Affitto casa, chi paga le spese ordinarie e le spese straordinarie


Affitto casa, chi paga le spese ordinarie e le spese straordinarie




Tra le domande più comuni quando si decide di cercare un affitto casa possiamo ritrovare delle perplessità su chi pagherà effettivamente quelle piccole spese mensili e annuali. Ci riferiamo all’energia elettrica, al gas, al canone, ai rifiuti… insomma, le spese che rientrano nella normalità di un uso abitativo. Ovviamente la prima domanda che tutti si fanno è acquistare o affittare casa? La risposta a questa domanda la sapete solo e voi in base alle vostre finanze.

Come si stabiliscono le spese quando si è in affitto?

Possiamo ripartire le spese in ordinarie e straordinarie. Le prime spettano solitamente all’affittuario, mentre le seconde sono di pertinenza del locatore. Tuttavia, ci sono dei casi speciali in cui è possibile, in fase contrattuale, suddividere le spese ulteriormente.

Nel caso del riscaldamento, la sostituzione o manutenzione straordinaria dell’impianto si procede con l’aiuto del locatore, mentre i tecnici, le revisioni periodiche e gli aggiornamenti del libretto spettano all’affittuario.

La tassa sui rifiuti, ovviamente, è pagata dall’inquilino, che in questo caso abita la casa e produce immondizia.




Quali spese spettano al conduttore e quali al locatore nell’ affitto casa

Qualora si riscontrassero dei problemi con il bagno, come scarichi otturati, spetta all’affittuario chiamare l’idraulico e pagarlo. Il locatore si occupa, dunque, solo di quegli interventi che mirano a modificare o sostituire parti speciali della casa.

Anche per il condizionatore valgono le stesse regole: l’installazione di un nuovo impianto, o la sua sostituzione, viene relegata al padrone di casa. Chi, invece, deve prendersi cura del condizionatore – pulizia, filtri, impianto – è l’affittuario.

Lo abbiamo citato prima: il canone Rai è pagato dall’affittuario, in quanto usufruisce del servizio. Tutti i servizi utilizzati competono l’affittuario.

All’affittuario, spetterà inoltre di prendersi cura della propria abitazione come se fosse sua. Se si dovesse rompere qualcosa, sarete voi a procedere con le spese di riparazione, ammesso che le cause siano riconducibili a voi.

Questo evento è regolato dal contratto: di solito, per ogni dubbio, vi invitiamo a rileggerlo e a parlarne con il padrone di casa.

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.