Impianto fotovoltaico: gli impianti devono essere certificati


Impianto fotovoltaico: gli impianti devono essere certificati




È importante che ogni impianto fotovoltatico  venga certificato. Ciò vale per le industrie, per le aziende e anche per le nostre abitazioni. Ogni impianto deve essere assolutamente controllato e certificato prima di essere messo in commercio, o in funzione.

Che cosa sono le certificazioni? È una sorta di sicurezza: certificano che l’impianto funzioni bene, che non siano presenti guasti, che sia antincendio e molto altro. Questo discorso vale anche per l’impianto fotovoltaico.

Avete letto le sue qualità e i suoi vantaggi e avete deciso di installarne uno. Certamente, l’idea di risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica e di salvaguardare il nostro ambiente è molto allettante.

Come funzionano i certificati: a cosa servono?

Un impianto fotovoltaico è suddiviso in due parti essenziali: i pannelli solari, che possono essere messi sul tetto o sul frontale dell’abitazione, hanno il compito di immagazzinare l’energia solare. La seconda parte è l’inverter, ovvero il pezzo che trasformerà l’energia solare in energia elettrica.




Dopo avere ottenuto la certificazione, nel caso in cui vi trovaste in una zona paesaggistica, dovete certamente fare certificare l’impianto. Negli ultimi anni, molti sono stati truffati con la certificazione, quindi fate molta attenzione.

Per certificare l’impianto e renderlo a norma, dovete rivolgervi all’Icim, ovvero l’Istituto di Certificazione Italiano per la Meccanica. Istituito nel 1988, con sede a Milano, l’Icim si occupa di certificare tutti i componenti fotovoltaici.

Ovviamente, il progetto deve essere certificato sin dall’installazione

La certificazione ha il compito di assicurare una qualità estrema, che non metta a rischio la vita di nessuno. Inoltre, è prevista l’aderenza ai criteri tecnico-formativi del settore, per la produzione dei componenti e degli impianti fotovoltaici in genere. È la Comunità Europea a regolare parte di queste certificazioni: l’Icim, infatti, ne fa parte.

Ad oggi, sono previsti almeno tre certificati, oltre a quelli già in vigore prima del 2012, anno in cui si è deciso di aumentare la sicurezza degli impianti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.