Cersaie 2018, Tela: la tessitura nata dalla partnership tra Paola Lenti e De Castelli


Cersaie 2018, Tela: la tessitura nata dalla partnership tra Paola Lenti e De Castelli




Tela, presente al Cersaie 2018,  è un tessuto metallico in rame che nasce dalla partnership produttiva tra Paola Lenti e De Castelli, relazione creativa dove lo scambio di competenze ha creato occasioni di progetto e sperimentazioni uniche. La stratificazione delle diverse lavorazioni, la tessitura e la successiva ossidazione donano al rame tessuto tonalità intense e vibranti.

Tela dopo Fuorisalone arriva anche a Cersaie 2018

Presentata al Fuorisalone Paola Lenti nel 2017 e implementata nel 2018, Tela è un rivestimento
prezioso che offre molteplici interpretazioni, proposto in tre diverse finiture con un intreccio che può
variare a seconda della tessitura (a maglia chiusa o a maglia aperta).

Finitura Bosco: le diverse gradazioni di verde incontrano il rosa-bruno del rame naturale.

Finitura Tundra: la palette vira su sfumature di viola e rosso, passando dai lilla e i rosati.




Finitura Aurora: l’ossidazione a fuoco del rame crea una particolare tonalità iridescente, in una scala
cromatica che attraversa il blu e il rosso fino ad arrivare all’oro.

Tutte le finiture sono disponibili a maglia chiusa e a maglia aperta altezza tessuto 100 cm | spessore 3
mm | peso 9 kg/mq

De Castelli, azienda giovane e dinamica

De Castelli è una giovane azienda, fondata nel 2003 ma erede di un’esperienza di abili fabbri ed esemplari maestri nella lavorazione del ferro che arriva alla quarta generazione con Albino Celato, fondatore e anima dell’azienda.

La svolta decisiva avviene agli inizi degli anni 2000, da allora De Castelli si è contraddistinta a livello internazionale per aver introdotto il design nella lavorazione del metallo, puntando a una produzione che unisce la manualità artigiana alla tecnologia e alla progettazione.

I materiali come l’acciaio inox, l’alluminio, il Cor-Ten, il ferro, l’ottone e il rame, si trasformano attraverso le lavorazioni manuali, preziose ed accurate, caratterizzando i dettagli e la qualità complessiva delle creazioni di De Castelli e differenziandole da ogni altra produzione.

Nel 2015, con il trasferimento nella nuova sede a Crocetta del Montello, De Castelli raggiunge un altro importante traguardo: l’ampio spazio, rispondente alla nuova visione di Albino Celato, facilita la realizzazione di un progetto d’azienda che si configura in due rami d’impresa paralleli, ma molto differenti.

Esterno ed interno

Da un lato i complementi per l’interior e l’outdoor, associati all’altissima qualità legata alla produzione tecnologico/artigianale di De Castelli e alle molteplici relazioni con designer di rilevante professionalità e fama, continuano ad essere realizzati per il cliente privato e ad essere distribuiti nei  migliori showroom italiani ed esteri.

Parallelamente il rapporto con progettisti e architetti, dalla cui collaborazione sono già nate

prestigiose realizzazioni. Ne sono esempio l’Archimbuto di Cino Zucchi per il Padiglione Italia della Biennale di Architettura 2014 e i Padiglioni di Milano Expo 2015 degli architetti Zito e Pedron per OVS ed Excelsior Milano, si potenzia ulteriormente con apposite strategie aziendali.

Dalle idee alla realizzazione

La volontà nel perseguire e realizzare idee sempre più complesse ha contribuito a definire un “Sistema” ben collaudato per affrontare i progetti di scala architettonica: un efficiente centro di sviluppo progetti, legato ad una veloce capacità di problem solving che consente di completare le valutazioni dei professionisti e dei committenti e di arrivare alle soluzioni più efficienti sia sul piano creativo/estetico che su quello della posatura/installazione.

Infine, legata alle “officine” l’ampia materioteca, luogo dedicato agli architetti e agli incontri culturali, espone tutti i metalli e le finiture che De Castelli offre al servizio dei progettisti.

La sede aziendale, il Flagship Store in Corso Monforte a Milano (progettato da Michele De Lucchi) e quello aperto a Stoccolma alla fine del 2017, sono espressione del valore attribuito agli spazi del lavoro e alle loro molteplici funzioni.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.