Stufa a bioetanolo: quanto consuma?


Stufa a bioetanolo: quanto consuma?




Rispetto al pellet e alla legna, che possiamo tenere in tranquillità anche nella nostra abitazione, la conservazione del bioetanolo, che serve per il funzionamento delle stufe al bioetanolo,  richiede un’attenzione davvero particolare. La legna e il pellet, qualora ne acquistassimo in eccesso, potremmo ugualmente conservarle per l’inverno successivo.

Quanto consuma una stufa a bioetanolo?

Per il bioetanolo, entrano in gioco numerosi problemi, di cui dobbiamo tenere conto. Le stufe o i caminetti a bioetanolo sono molto apprezzati ultimamente. Certo, offrono la bellezza di un camino e inoltre inquinano di meno rispetto al gas e al metano. Senza considerare che alcuni modelli sono molto economici e che, a meno di non affidarsi all’alta tecnologia, non hanno bisogno dell’energia elettrica per funzionare.

Il costo del bioetanolo è molto variabile, anche in base a quale fornitore ci affidiamo. Ma quanto consuma realmente una stufa a bioetanolo? E quanto ci costerà?

Indicativamente, il costo del bioetanolo è di circa 3 euro al litro. Per quanto riguarda la potenza del calore delle stufe a bioetanolo dipende dal modello che abbiamo scelto.




Di cosa dobbiamo tenere conto quando calcoliamo il consumo: ecco i fattori

Alcuni tipi di stufe o di camini hanno la potenza di 1 Kw/h, mentre altri sono molto più potenti e arrivano fino ai 10 Kw/h. Dunque, il consumo medio dipende da numerosi fattori, tra i quali citiamo:

  • Il costo del bioetanolo da un determinato fornitore. Vi sconsigliamo in assoluto di acquistarlo di scarsa qualità, perché rovinerebbe la stufa/camino e inoltre inquinerebbe l’ambiente;
  • I metri quadri da riscaldare. Questo è un fattore essenziale, perché il consumo del bioetanolo sarà più elevato se il modello di stufa non scalda abbastanza e si trova in una casa molto grande;
  • Il consumo espresso in Kw/h. Anche questo fattore entra in gioco quando si calcola il consumo, e dobbiamo tenerne conto.

Tendenzialmente, è un metodo economico, ma è consigliabile fare bene i conti dei fattori.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.