Stufe elettriche: quanto consumano?


Stufe elettriche: quanto consumano?




Risparmiare è una questione molto importante, soprattutto quando entriamo in tema stufe elettriche e riscaldamento. Il riscaldamento è necessario in inverno: il gelo ci stringe nella sua morsa e, in base al territorio in cui viviamo, può renderci le giornate davvero insopportabili.

Stufe elettriche a basso consumo: quali sono?

Inoltre, c’è da considerare l’umidità in alcune regioni, che insieme al freddo causano diversi malanni, tra cui la cervicale. Non nominiamo nemmeno i classici malanni di stagione, che possono costringerci a letto e a perdere giornate di lavoro.

A questo punto, però, è anche d’obbligo chiedersi se ripiegare sulle stufe elettriche sia una buona idea e quanto consumino rispetto a un riscaldamento standard. Sappiamo che ogni stufa elettrica è diversa a suo modo: alogene, a infrarossi… quest’ultime due, in particolare, garantiscono un risparmio più elevato.

L’unico “problema” è che costano di più rispetto alle altre: potremmo, per esempio, attendere una buona offerta e acquistarle. Una delle migliori stufe elettriche a basso consumo energetico è la alogena: infatti, il suo consumo si attesta sui 500 watt.




L’alogena è la particolarità di riscaldare ciò che si trova nelle sue vicinanze, che sia un oggetto, una coperta, il divano o noi stessi. C’è anche la stufa elettrica ad olio che non consuma molto, sempre sui 500 watt.

Risparmiare sul riscaldamento: ecco come fare

Con queste due stufe elettriche, possiamo garantirci un risparmio notevole e al contempo riscaldare gli ambienti e mantenere la temperatura corporea stabile.

Dove è indicato utilizzare le stufe elettriche per il riscaldamento? In alcune regioni d’Italia è consigliato affidarsi a un impianto di riscaldamento più tradizionale, soprattutto nei giorni più freddi o quando la temperatura scende drasticamente sotto lo zero.

Le stufe elettriche sono perfette da utilizzare in autunno o in primavera, quando il clima è ancora instabile e non si è regolarizzato.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.