Inizia la scuola, hi tech e precariato





Questa mattina per molti ragazzi è suonata la prima campanella del nuovo anno scolastico, tra l’ansia di chi deve iniziare il suo “primissimo” giorno di scuola e il dispiacere della fine delle vacanze di chi a scuola già ci va da qualche anno.

Questo inizio scolastico è un po’ diverso dal solito, molti studenti si sono trovati davanti i politici italiani che hanno voluto tornare per un giorno tra i banchi di scuola.

E tanti altri non hanno dovuto sostenere l’ingente spesa dei libri, che sono andati in pensione, per lasciare il posto ai tablet, facendo diventare la scuola sempre più hi tech.

Siamo d’accordo con l’innovazione e il futuro, ma effettivamente è più importante un vero e proprio stravolgimento della scuola italiana, prendendo spunto dai modelli esteri, che hanno molto più successo e che investono nell’istruzione gran parte dei fondi statali.




Questo obbiettivo si potrebbe anche raggiungere rendendo effettivi i tanti precari che ruotano da anni intorno al mondo scolastico, che aspettano il tanto agognato contratto a tempo indeterminato che gli permetterebbe di diventare insegnati di ruolo. Intanto la loro vita è fatta di supplenze, sostituzioni e ripetizioni, a volte anche in nero.

Samantha Lombardi




Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 24 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.