Piscina a casa quale acqua utilizzare: pozzo o potabile?


Piscina a casa quale acqua utilizzare: pozzo o potabile?




Avete una piscina a casa e state valutando di utilizzare l’acqua del vostro pozzo per riempirla? Be’, prima di procedere con questa possibilità, ti consigliamo di valutare attentamente i pro e i contro prima di tutto per valutare le spese da mettere in conto per realizzare una piscina in casa.

Dovete dapprima fare un test sull’acqua presente nel pozzo. Se quest’ultima abbonda di ferro e di sali minerali, dovrete aggiungere il cloro e il bromo per disinfettarla e poter utilizzarla. Dopo questo passaggio, l’acqua dovrebbe intorpidirsi, fino a diventare di colore marrone scuro o un bianco sporco.

Come è l’acqua del pozzo per la nostra piscina a casa?

Dopo l’aggiunta del bromo e del cloro, dovrete procedere con l’ausilio di un prodotto sequestrante. Dovrete pulire molto bene il fondo della piscina e delle pareti. Il terzo e ultimo passaggio dovrebbe essere la superclorazione. Tuttavia, spesso, è necessario un ulteriore fase, un trattamento di flocculazione.

È normale che l’acqua del pozzo reagisca in questo modo, in base ai suoi livelli chimici. Per potersi bagnare, è necessario portare l’acqua a un livello stabile di PH. Potrete bagnarvi solo quando la pulizia sarà terminata e l’acqua sarà tornata trasparente.




Come vi renderete conto, la pulizia è un processo lungo. Vale la candela?

La risposta la dovete dare voi in base al tempo che avete a disposizione. Purtroppo, questo metodo è consigliato nelle zone a rischio di siccità in estate. A quel punto, è necessario ricorrere a qualsiasi metodo pur di riempire la propria piscina e poterla utilizzare.

Sarebbe meglio utilizzare l’acqua potabile

Con calma, seguendo le nostre istruzioni e ripulendo l’acqua del pozzo, potrete utilizzarla. Ovviamente, dovete preoccuparvi anche del suo mantenimento, quindi misurate sempre il pH e assicuratevi che possiate utilizzarla.

Per quanto sia molto meglio ricorrere a una piscina con acqua salata ed evitare le possibili conseguenze dell’utilizzo di bromo e di cloro – che rimangono due elementi chimici – questo metodo è l’unico a cui ricorrere in tempi di siccità.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.