Dichiarazione dei redditi 2019, cosa si deve presentare


Dichiarazione dei redditi 2019, cosa si deve presentare




Nella dichiarazioni dei redditi 2019 quali sono i documenti principali da presentare? Scopriamo tutto nel dettaglio in questo articolo riepilogativo. Come accade ormai ogni anno, in questo periodo, il problema principale di tantissime persone è lo stesso: dove iniziare a raccogliere tutti i documenti che servono per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi. E doveroso farlo nei tempi prestabiliti. Ma quali sono i documenti che vanno preparati? Ecco tutto ciò che c’è da sapere in merito.

Dichiarazione dei redditi 2019: quali documenti preparare

Quali sono dunque i documenti da preparare? Prima di tutto dovete sapere che se avete avuto modo di lavorare per più datori di lavoro, magari come lavoratori autonomi ma anche come dipendenti a tutti gli effetti, dovete assicurarvi che ognuno di essi vi faccia avere il prima possibile la Certificazione unica – chiamata tempo fa CUD – entro il 31 marzo 2019. La certificazione in questione attesta che avete lavorato per quel preciso datore di lavoro per l’anno 2018 e quanto avete guadagnato.

Fatta questa piccola premessa, ecco quali sono in elenco i documenti fondamentali che dovete sempre avere a portata di mano per quanto concerne la dichiarazione dei redditi – logicamente sono indicazioni generali, poi tendono a cambiare in base alle caratteristiche di ognuno:

  • documento d’identità più tessera sanitaria;
  • codice fiscale;
  • dichiarazione dei redditi dell’anno prima;
  • ricevute acconti IRPEF versati a giugno e novembre 2018;
  • dati del datore di lavoro attuale (serve in particolare se farà da sostituto d’imposta);
  • modello CU oppure ogni altra certificazione da lavoro dipendente, pensione, collaborazione a progetto
  • collaborazione con ritenuta d’acconto o altro;
  • modello CU o certificazione rilasciata dal committente con indicazione delle ritenute subite e dei relativi redditi per: lavoro autonomo occasionale, diritto d’autore, ecc.;
  • utili corrisposti da società;
  • certificazione rilasciata dal soggetto che ha erogato gli utili (mod. CUPE);
  • assegno mantenimento del coniuge;
  • sentenza di separazione del Tribunale e ricevute degli importi percepiti;
  • dati relativi a fabbricati e terreni;
  • visure catastali, dichiarazione successione, atto d’acquisto, contratto affitto;
  • spese sostenute nel 2018 come spese sanitarie come visite mediche specialistiche, analisi (e qui bisogna avere fatture o ricevute fiscali rilasciate da medico o struttura sanitaria), scontrini parlanti riguardo i medicinali, altre spese per protesi, cure specifiche, cure riabilitative ecc.;
  • spese per famigliari disabili;
  • fatture per acquisto di presidi medici, assistenza domiciliare, assistenza specifica presso casa di cura, acquisto autoveicoli, acquisto cane guida e certificazione medica comprovante la disabilità, ad es. L.104/92;
  • assistenza personale per soggetti non autosufficienti;
  • fattura o ricevuta di pagamento o CU/buste paga badante e certificazione medica attestante la non autosufficienza (ASL o medico curante);
  • spese veterinarie;
  • quietanza di pagamento del premio e contratto di assicurazione;
  • spese funebri;
  • fattura dell’agenzia immobiliare e contratto acquisto dell’abitazione principale;
  • interessi passivi per mutui;
  • per acquisto abitazione principale: contratto di acquisto dell’immobile, contratto di mutuo, ricevute quietanzate dalla banca relative alle rate di mutuo pagate e eventuali altri oneri, fatture del notaio e dell’intermediario;
  • per la costruzione o ristrutturazione dell’abitazione principale: contratto di mutuo, ricevute quietanzate dalla banca, fatture relative ai lavori eseguiti, concessione edilizia, comunicazione inizio e fine lavori;
  • fattura o ricevuta attestante la spesa per frequenza di un asilo nido (pubblico o privato) o scuola d’infanzia sostenuta dai genitori;
  • spese per istruzione fino scuola secondaria superiore;
  • ricevute versamento tasse iscrizione, contributi volontari e obbligatori, mensa, servizi integrati;
  • spese istruzione universitaria e specializzazione;
  • ricevute di versamento tasse iscrizione, tassa per test accesso e tasse per frequenza SSIS, master e specializzazioni;
  • contributo scolastico (versamento effettuato a nome del genitore);
  • ricevuta della scuola o ricevuta di versamento che testimonia la somma versata, la causale (innovazione tecnologica, edilizia scolastica o ampliamento offerta formativa);
  • spese per attività sportive dilettantistiche dei figli tra 5 e 18 anni;
  • ricevute dei contributi versati per addetti ai servizi domestici e familiari;
  • voucher – ricevuta acquisto e comunicazione INPS per utilizzo;
  • ricevute di versamento: assicurazione casalinghe, riscatto laurea, contributi INPS, ecc.;
  • ricevute di versamento a fondi di previdenza complementare (anche per familiari a carico);
  • spese adozione internazionale, dichiarazione delle spese sostenute emessa dall’ente autorizzato;
  • ricevute di versamento postale o bancario o carta di credito a favore di: clero, Chiese, ONLUS, società mutuo soccorso, enti promozione sociale, ONG, ecc.;
  • ricevute di versamento per Consorzi di Bonifica, assistenza sanitaria integrativa;
  • spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio per le quali spettano le detrazioni;
  • spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio per le quali spettano le detrazioni;
  • fatture e relativi bonifici bancari o postali e asseverazione di un tecnico abilitato ovvero certificazione dei produttori per infissi e pannelli solari; attestazione di certificazione energetica; scheda informativa sugli interventi realizzati; ricevuta di invio dati all’Enea;
  • spese per il “Bonus Arredi”, fatture e bonifici di pagamento o ricevuta pagamento carta di credito/bancomat ed estratto conto banca/carta di credito dove compaia la spesa;
  • spese per la sistemazione di terrazzi e giardini privati;
  • spese per canone di locazione per abitazione principale e per studenti fuori sede;
  • contratto di locazione stipulato ai sensi della legge 431/1998 e registrato;
  • per studenti: contratto stipulato con enti universitari, collegi, ecc. e ricevuta pagamento canone;
  • spese per acquisto o costruzione abitazioni date in locazione, rogito acquisto o documentazione attestante la costruzione e contratto locazione durata 8 anni;
  • IVA per acquisto abitazioni classe energetica A o B, rogito acquisto da impresa e fattura impresa con importo IVA applicata;
  • patrimoniale (IVIE – IVAFE) e monitoraggio (RW) su investimenti all’estero posseduti al 31/12;
  • immobili (IVIE): valore di acquisto o di successione o di mercato (perizia).







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.