Dichiarazione dei redditi 2019: è tempo di preparare i documenti





Tasse e spese, come ogni anno è ufficialmente arrivato il momento di preparare correttamente i documenti per la dichiarazione dei redditi 2019.

Documenti dichiarazione dei redditi 2019

A seguire ora vedremo quali sono i documenti che servono e vanno tassativamente allegati alla dichiarazione dei redditi. Tutti i contribuenti che scelgono il 730 ordinario, per quanto riguarda la presentazione della dichiarazione dei redditi, o devono solamente modificare quella precompilata, dovranno raccogliere diversi documenti per preparare nel miglior modo il modello.

Documenti necessari alla compilazione del 730, ecco quali sono:

  • dichiarazione dei redditi dell’anno prima;
  • codice fiscale e documento d’identità del dichiarante e dei familiari a suo carico;
  • documentazione relativa a proprietà immobili (usufrutto o possesso);
  • Imu pagata l’anno prima;
  • certificazione unica (nuovo modello redditi 2018, ex modello unico)
  • documenti inerenti ad altri tipi di reddito percepiti come lavoro autonomo o occasionale, voucher Inps ecc;
  • ricevute di versamento modello F24 per acconto Irpef.

Ecco un memorandum su cosa preparare

A seguire, un elenco dei documenti che servono per richiedere specifiche detrazioni inerenti alla spese sanitatire, acquisto della prima casa, elettrodomestici, detrazione delle spese per adeguamento energetico ecc…. Per poter beneficiare della detrazione delle spese sanitarie effettuate per lui stesso, o per un familiare a carico (19% con franchigia di 129,11 euro), al momento della compilazione del 730, in contribuente dovrà presentare la seguente documentazione:




  • fatture e scontrini per l’acquisto di tutti i tipi di farmaci;
  • fatture di visite per medico generico o specialista, psichiatra o neuropsichiatra;
  • certificati medici per uso sportivo, per patente, per scopi legali o per malattie e infortuni;
  • ricevute fiscali relative ad interventi chirurgici;
  • fatture per analisi diagnostiche;
  • ricevute delle spese effettuate per ginnastica correttiva o riabilitativa;
  • ricevute per prestazioni di assistenza diretta alla persona (fisioterapista, podologo, odontotecnico ecc.);
  • ricevute di spesa per l’acquisto o l’affitto di mezzi per la deambulazione (sedia a rotelle, stampelle ecc.);
  • ricevute di spesa per l’abbattimento di barriere architettoniche;
  • ricevute di acquisto di veicoli per disabili o per il loro trasporto;
  • ricevute per l’acquisto di cani guida per persone non vedenti (una sola volta ogni 4 anni)
  • ricevute di spesa per l’acquisto di mezzi necessari al miglioramento della vita di persone portatrici di handicap (modem, computer ecc. con relativa prescrizione medica).




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.