Cercare casa, dalla città alla campagnia: come cambia la vita


Cercare casa




Come cercare casa, passare da vivere in città alla campagna cambia la vita questo è almeno quanto hanno rivelato ad oggi moltissime persone che hanno fatto questo importante cambiamento che hanno preferito l’acquisto casa piuttosto che l’affitto in città.

Chissà quante volte nell’arco della vostra vita avete avuto modo di sognare di lasciare tutto e andare cosi di punto in bianco a vivere in campagna. Arrivare sul posto di lavoro in circa 20 minuti, respirare aria sana, passeggiare in tutta tranquillità lungo le strade di campagna con il suono degli uccellini e, in particolar modo, avere un vasto spazio in cui far divertire i bambini senza la paura di macchine, sono tutti elementi fondamentali per poter potenziare la qualità della vita di una persona singola o meglio ancora un’intera famiglia.

Ovviamente se si è abituati a vivere in città la scelta non è delle più semplici e bisogna per davvero pensarci bene prima di fare questo passo importante.

Indice dell'articolo




Vivere in campagna o in città?

Se non riuscite a capire quale vita sia la migliore per voi, purtroppo evidenziamo da subito che la risposta non è una sola ma dipende in particolar modo da molteplici fattori.

Prima di tutto ciò che più conta è il vostro stile di vita, da ciò che maggiormente vi piace e non piace fare e sopratutto dal lavoro che svolgete. Se il vostro lavoro è strettamente legato al territorio vi sarà praticamente impossibile trasferirvi conservando il lavoro, a meno che non prendiate la decisione di iniziare una vita da pendolare il che con la lunga potrebbe portare a stanchezza e stress eccessivo. Questo vale sia che abitiate in città che in campagna. Le carte in tavola cambiano se lavorate in totale autonomia o se volete svolgere la vostra attività affidandovi al vasto mondo di Internet.

Sicuramente la vita in città intriga maggiormente in un’età compresa fra i 25 massimo 45 anni, sopratutto se non si ha alcun figlio, diverso invece se si ha una famiglia e si vuole offrire ai figli una vita di qualità, alimenti sani, sicurezza e serenità.

Vivere in campagna pro e contro

Vediamo i pro e contro di vivere in campagna

Pro

  • Aria genuina quella che si respira tutto il giorno rispetto a quella in città;
  • Alimenti più sani con possibilità di acquistarli dal contadino o in generale direttamente dal produttore;
  • Possibilità di avere un orto e coltivare frutta e verdura in maniera naturale;
  • La campagna è il posto ideale per chi adora gli animali;
  • I ritmi sono meno frenetici e ci sono meno fonti di stress;
  • La vita costa meno gli affitti hanno un prezzo minore.

Contro del vivere in campagna

  • Se vai a vivere in una zona poco conosciuta potreste soffrire inizialmente la solitudine;
  • Animaletti e insetti: purtroppo le campagne ne sono invase. Se non amate avere questi animali che vi girano intorno a casa, la campagna è meglio dimenticarsela;
  • Nei piccoli centri tutti vogliono sapere tutto di tutti. La miglior soluzione per non creare chiacchere? Lasciar perdere e vivere la propria vita;
  • Se pensate di acquistare una casa in campagna e lavorare in città dovrete considerare che risparmierete in affitto, ma certamente spenderete più in trasporti;
  • Serve avere un auto. Il trasporto pubblico spesso e volentieri risulta attivo solo nelle ore in cui i giovani vanno a scuola, avere a disposizione una vettura è fondamentale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.