Piscina in muratura, servono i permessi per farla? 


piscina




Prima di realizzare una piscina (di qualsiasi tipo e con qualsiasi materiale sia realizzata), bisogna richiedere le autorizzazioni al Comune. Infatti, se non si compie questo passaggio burocratico, si rischierà di essere denunciati per abuso edilizio e conseguente processo penale e demolizione dell’opera. Nel caso non si possa fare si può pensare ad una piscina economica come quelle in gomma da posizionare dove meglio crediamo.

Piscina, prima di tutto rivolgersi all’ufficio tecnico

Per prima cosa bisogna rivolgersi all’ufficio tecnico del Comune del luogo dove si trova il terreno in cui si vuole realizzare la piscina: le persone competenti informeranno dell’eventuale esistenza di vincoli paesaggistici, ambientali, urbanistici e così via e come procedere.

Oltre all’ufficio tecnico del Comune, ci si potrà rivolgere direttamente al venditore dell’impianto perché di solito questi hanno al loro interno un ufficio tecnico che esegue la progettazione delle opere e presenta le pratiche al Comune per richiedere le autorizzazioni necessarie.

Ancora, ci si può rivolgere ad un geometra, ingegnere o architetto che si occuperà di sbrogliare le pratiche burocratiche e amministrative oltre che di supervisionare i lavori per la realizzazione dell’opera. Non c’è una norma chiara a livello nazionale su quelli che sono i permessi da richiedere per la realizzazione di una piscina ma sicuramente uno da richiedere è il permesso di costruire (non basta infatti l’edilizia libera o la Scia) proprio perché la realizzazione di quest’opera comporta la creazione di nuovi volumi e superfici e la modifica dell’assetto urbanistico della zona in cui viene posta.




Se ci sono vincoli archeologici o paesaggistici

Se ci sono vincoli archeologici o paesaggistici, bisognerà richiedere anche l’autorizzazione paesaggistica. Oltre ai permessi bisogna rispettare anche le norme edilizie ed urbanistiche come le norme tecniche europee in materia di costruzione di piscine pubbliche o private che impongono a produttori e installatori specifici standard di sicurezza e qualità: UNI EN 16582 – Piscine domestiche; UNI EN 16713-2:2016 – Piscine domestiche – Sistemi di distribuzione dell’acqua – Parte 2: Sistemi di circolazione – Requisiti e metodi di prova.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.