Quali sono i guasti elettrici più comuni in una casa


Quali




La sicurezza all’interno delle nostre case dipende da molti fattori e tra questi c’è senza dubbio la corretta manutenzione dell’impianto elettrico. Si tratta di un elemento cruciale, legato a doppio filo allo svolgimento di qualsiasi attività e in ogni ora del giorno. L’elettricità è un fatto sia di comfort che di assoluta necessità ma occorre fare attenzione: i problemi al relativo impianto possono essere sempre dietro l’angolo. Ecco perché è importante saper riconoscere i guasti più comuni in modo da contattare l’elettricista di fiducia e ripristinare in fretta la situazione. In questo approfondimento cercheremo di mettere a fuoco i problemi elettrici in ambito domestico più comuni in assoluto, iniziando da quelli relativi agli interruttori di circuito per poi proseguire con quelli riguardanti i picchi di elettricità e la distribuzione delle prese.

I rischi del malfunzionamento di un interruttore di circuito

Quando si parla di interruttore di circuito si fa riferimento alla prima barriera di difesa per una casa nei confronti di danni che possono essere causati da cortocircuiti o sovraccarichi. Questi interruttori sono pensati per interrompere il flusso della corrente nel caso in cui sia rilevato un guasto: avvisano, insomma, che è in corso una problematica in ambito elettrico. Se l’interruttore scatta troppo spesso, dunque non soltanto quando fa il suo lavoro per prevenire il surriscaldamento e gli incendi, allora possono esserci difficoltà importanti da affrontare. Il fatto che l’interruttore di circuito scatti ripetutamente vuol dire che non soltanto potrebbe esserci un problema legato ad esso ma anche ulteriori guasti in casa. I problemi possono riguardare il consumo l’eccessivo di elettricità, magari perché è domenica e sono tutti in casa e molti grandi elettrodomestici sono in funzione. In caso contrario è bene contattare uno specialista poiché ci potrebbe essere qualche altro elemento che sovraccarica l’interruttore.

Poche prese per gli apparecchi, sovratensioni e picchi elettrici

Se nell’appartamento non ci sono prese elettriche a sufficienza allora quello che potrebbe verificarsi è un sovraccarico delle prese esistenti. Le prolunghe finirebbero per riempire tutte le stanze, portando a una probabilità maggiore di subire frequenti picchi di elettricità. In attesa che l’elettricista provveda a installare altre prese, si potrà comunque ricorrere in via temporanea all’uso di una prolunga per impieghi gravosi. Attenzione anche alle prese difettose o morte: potrebbero finire per innescare incendi, con gravi danni a persone e cose. Anche in questo caso un intervento tecnico ripristinerà la situazione. Infine, per quanto riguarda nello specifico i picchi di elettricità, essi avvengono quando si verifica un picco di carica nelle linee elettriche che aumenta la corrente alle prese. Gli apparecchi come radio e tv possono accendersi improvvisamente proprio per via delle sovratensioni. E’ chiaro che esporre a picchi frequenti gli accessori e componenti elettronici di casa può ridurne la vita operativa. Ci sono casi in cui non è comunque possibile evitare che le sovratensioni si verifichino e questo in caso di una linea elettrica di per sé danneggiata o di tempeste di fulmini. E’ sempre bene ricorrere alle specifiche protezioni per gli apparecchi elettrici, in tutti i casi anche qui l’intervento dell’elettricista sarà risolutivo.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.