Come controllare se nella nostra abitazione c’è una falsa residenza


residenza




La residenza è il luogo della abituale dimora dove una persona trascorre la propria vita privata. Per sottrarsi alla notifica di atti giudiziari (multe, cartelle esattoriali) o beneficiare di agevolazioni fiscali, alcune persone potrebbero dichiarare una falsa residenza loro o di un familiare.

Bisogna sapere che però questo è un reato da non sottovalutare: si rischia un procedimento penale per il reato di falso ideologico, un illecito che scatta tutte le volte in cui la falsità risulti essere dovuta ad una leggerezza o ad una negligenza. Ci si accorge di questo illecito quando ci si appresta ad affittare o a vendere casa.

Per questo reato si può incorrere in due tipi di sanzione:

  • sanzione pratica: tutte le notifiche effettuate al nuovo indirizzo si considerano eseguite con il deposito presso la Casa Comunale (si tratta della notifica per chi risulta essere irreperibile)
  • sanzione penale: per il reato di falso in atto pubblico si prevede la reclusione da 3 mesi fino a 2 anni

Quindi, se ci si trasferisce in una nuova casa, cambiando residenza, bisogna dichiararlo all’Anagrafe Comunale entro 20 giorni dal proprio trasferimento.

Questa comunicazione avviene presso il Comune di destinazione, il quale provvederà poi a notificarlo al Comune da cui ci si è spostati, all’Agenzia delle Entrate, alla Motorizzazione e agli altri enti interessati (eventualmente anche il datore di lavoro deve essere avvisato dal cittadino, se previsto dal contratto).




L’Ufficio Anagrafe che riceve la notifica del cambio di residenza aggiorna i registri entro 48 ore e, da quel momento, il cambio è definitivo.

Dopo aver aggiornato i propri registri, l’Ufficio Anagrafe può inviare la Polizia Municipale ad effettuare dei controlli presso l’abitazione nuova del cittadino (se il cittadino non è reperibile, il cambio di residenza viene revocato).

Se si ha il sospetto che nella propria abitazione ci sia una falsa residenza, bisogna recarsi presso l’Ufficio Anagrafe per effettuare eventuali controlli.

È evidente che in questo caso si configurerebbe un reato ancora più grave e da non sottovalutare.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.