Viaggi all’estero, ecco la soluzione per non restare a secco di elettricità


elettricità in viaggio




Chi è abituato a viaggiare, per piacere o per lavoro, sa bene che spesso all’estero si rischia di incappare in brutte sorprese sul versante dell’elettricità: gli standard per le prese di alimentazione elettrica, infatti, sono molto differenti anche all’interno dell’Unione Europa, con tipologie che cambiano anche di molto e che possono rendere impossibile le ricariche.

Le caratteristiche delle prese elettriche

Una veloce panoramica delle varie caratteristiche delle prese elettriche internazionali arriva da questo articolo del blog di Punto Luce, che spiega con cura a quali aspetti prestare attenzione, a cominciare da tensione della rete distributiva, frequenza del segnale e, appunto, tipo di prese. In Italia ne utilizziamo svariate, in verità, a cominciare dalla presa standard a L da 10 o 16 ampere, passando per il tipo tedesco a F (in genere utile per alimentare gli elettrodomestici), le multistandard o Schuko e via così, tutte comunque pensate per un voltaggio da 230V.

Un giro del mondo delle prese

Spostandoci verso altre nazioni, però, il discorso si amplia e si complica, per certi versi: nel Regno Unito, ad esempio, si trova soprattutto la cosiddetta presa G, che si distingue da subito per i suoi tre buchi disposti a triangolo e per i contatti piatti, oltre che per un voltaggio più elevato, a 240V. Viaggiano esattamente alla metà le tipologie di presa A e B, diffuse negli Stati Uniti (ma anche in Corea, Brasile o Arabia Saudita), che presentano contatti piatti e voltaggio appunto da 120V.

Un progetto innovativo

Insomma, quando si parte per un viaggio all’estero ci sono tanti fattori da considerare, soprattutto se non vogliamo rischiare di ritrovarci con lo smartphone scarico e nessuna presa compatibile con il nostro caricabatterie. Proprio per ovviare a problemi tanto frequenti quanto fastidiosi, una società inglese ha lanciato una campagna di crowfunding sul noto portale Kickstarter per cercare finanziamenti per un progetto davvero interessante.




L’adattatore Micro

In parole povere, il gruppo di tecnici britannici ha creato Micro, uno speciale adattatore di corrente da viaggio che ha due caratteristiche di base: è universale (in grado cioè di poter funzionare in ogni attacco internazionale e di accogliere ogni tipo di spina), e soprattutto è assolutamente compatto, come suggerisce il nome stesso. Anzi, questo speciale prodotto si candida a essere il più piccolo adattatore del mondo, grazie a misure davvero ridotte (6 x 3,1 x 1,8 centimetri, per un peso di appena 40 grammi, più che adatto alle esigenze di risparmio di spazio in valigia) e alla compatibilità con le prese di corrente di 150 Paesi nel mondo.

Pronto a dicembre

Tra le altre caratteristiche, Micro vanta un sistema integrato che evita i sovraccarichi, consentendo il passaggio della corrente alla potenza massima di 6,3 A, con input di capacità elettrica che vanno dai 100 ai 250V. L’azienda sembra aver raccolto delle buone proposte per il progetto, che è passato nella fase operativa, e anzi si attende la prima consegna ufficiale degli adattatori già per il prossimo mese di dicembre 2017.

Costo alto, ma alta qualità

Il prezzo base di una presa Micro è di 24 dollari per chi è iscritto a KickStarter, a cui vanno aggiunte le spese di spedizione, mentre il costo definitivo al dettaglio dovrebbe aggirarsi intorno ai 40 dollari. Forse non un prezzo del tutto accessibile, ma bisogna considerare che i tradizionali adattatori sono innanzitutto più “pesanti” e meno compatti, ma soprattutto meno compatibili rispetto a questo prodotto che si candida a essere rivoluzionario per i turisti e i viaggiatori di tutto il mondo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.