Bollino blu e sanzioni: come vengono calcolate?


Bollino blu e sanzioni: come vengono calcolate?




Fare la manutenzione della caldaia è molto importante: una caldaia in cattive condizioni inquina molto di più e mette a rischio la nostra salute. Inoltre, è la legge che regola la manutenzione, il bollino blu e il controllo dei fumi di una caldaia.

Ogni quanto va fatto controllare il Bollino Blu della caldaia?

Di seguito, riportiamo quanto scritto nella DPR n. 74/2013, che regola il controllo della caldaia.

  • Gli impianti termici a combustibile liquido o solido con potenza inferiore o uguale a 100kW devono essere revisionati ogni due anni;
  • Gli impianti a gas metano o GPL con potenza inferiore o uguale a 100kW devono essere controllati ogni quattro anni;
  • Per quanto riguarda gli impianti termici a combustibile liquido o solido, che abbiano potenza superiore ai 100kW, vanno controllati annualmente;
  • Infine, per gli impianti a gas metano e GPL con potenza superiore a 100kW si procede con la revisione ogni due anni.

Le sanzioni del Bollino Blu: multe salate per chi non è in regola!

Nella nostra abitazione dovremmo avere sempre il libretto dell’impianto della caldaia. Qualora non lo avessimo, dobbiamo chiederlo al proprietario. Sono previste delle multe anche per chi non ha il libretto.

Per calcolare la sanzione del Bollino Blu, dobbiamo comprendere da quanto tempo non abbiamo più fatto la revisione. In genere, le multe partono da 500 euro fino a un massimo di 3,000 euro. È comunque una somma molto importante, senza contare che una mancata revisione pone la caldaia in condizioni pessime.




Controllare la caldaia è molto importante: anzitutto, ne assicuriamo sempre il corretto funzionamento e scongiuriamo immissioni di gas nocivi nell’aria, non soltanto all’esterno, ma anche all’interno dell’abitazione.

Secondariamente, una caldaia opportunatamente controllata ha un’efficienza energetica maggiore. Ciò significa che spendere molto di meno sulla bolletta e che ne ricaveremo maggiore vantaggio. Controllate la tipologia della caldaia e assicuratevi che il bollino blu sia stato fatto.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.