Climatizzatore: quanto consuma per riscaldare la casa?


Climatizzatore: quanto consuma per riscaldare la casa?




In molti si chiedono se il climatizzatore, oltre a raffreddare l’abitazione in estate, possa essere utile in inverno, per riscaldare. Infatti, oltre a produrre aria fredda, i climatizzatori sono stati realizzati per la produzione di aria calda ecco perché scegliere il climatizzatore giusto è molto importante.

Climatizzatore e riscaldamento: cosa c’è da sapere?

Un aspetto importante che dobbiamo considerare è l’acquisto (a meno che non lo abbiamo già) di un climatizzatore di ultima generazione, che rispetti un’elevata efficienza energetica. Per esempio, i climatizzatori di classe energetica A+++ consumano solamente 160 kWh sulla bolletta, permettendo un risparmio davvero notevole.

Ne consegue, dunque, che il climatizzatore consumi ben poco per raffreddare o riscaldare la casa, ma ci sono degli aspetti che dobbiamo approfondire prima di consigliarvi questa pratica.

Anzitutto, se non avete il condizionatore, è necessario acquistarne uno di ultima generazione, un modello altamente tecnologico che consumi molto poco e che inoltre non inquini l’ambiente.




A questo proposito, vi consigliamo di beneficiare dell’Ecobonus, il fondo stanziato dall’Agenzia delle Entrate per coloro che vorrebbero fare un acquisto ecologico. Ciò significa che sul totale del condizionatore potrete dedurre le tasse e risparmiare.

Gli aspetti da considerare: il clima e le temperature invernali

Se avete un condizionatore, invece, con una bassa classe energetica, il consumo non sarebbe lo stesso e potreste dovere spendere di più sulla bolletta dell’energia elettrica.

C’è inoltre un altro fattore da considerare, ovvero il territorio in cui abitate. Da nord a sud, l’Italia offre un clima vastissimo, che dipende anche dalla montagna o dalla presenza del mare. In alcuni punti, come nelle città di mare, il climatizzatore può essere un’ottima idea.

In altri, come nei paesi di montagna, il climatizzatore non riuscirebbe a riscaldare l’abitazione e lavorerebbe il triplo per raggiungere una temperatura stabile, facendovi spendere il doppio di un normale impianto di riscaldamento.

Potrebbe, dunque, essere utilizzato solo in autunno o in primavera.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.