Cercare casa, cosa fare se gli impianti non sono a norma


Cercare casa




Si può vendere un qualsiasi appartamento se prima non vengono messi a norma tutti quanti gli impianti esistenti e senza avere l’apposito attestato di conformità da poter consegnare all’acquirente? Questa è una delle domande che giornalmente si pongono moltissime persone. Cerchiano di capirne di più. Nel frattempo approfondiamo se vale la pena acquistare o affittare casa leggendo questo articolo.

Quando un impianto è a norma?

A primo impatto il tutto può sembrare strano ma la legge stesso impone qualunque titolare di una casa di controllare se, a tutti gli effetti, qualunque impianto presente è a norma oppure no, ma lo obbliga solamente a procurarsi gli eventuali attestati da ditte specializzate e autorizzate in questo settore. Per chi non avesse capito, vuol dire che nel caso di non conformità di un impianto all’interno della casa, la responsabilità potrà essere data per intero alla ditta stessa che ha rilasciato un attestato non corretto.

Tutti gli impianti vengono considerati a norma, di solito, se conformi alle norme vigenti all’epoca in cui sono stati adeguati e progettati. Questo vuol dire, brevemente, che se da un momento all’altro cambia la legislazione, non per forza bisogna rifare l’impianto – salvo che la legge dica altro -.

Nello specifico gli impianti che sono stati progettati dal 13 marzo 90′ dovevano essere adeguati nell’arco di un massimo di 3 anni dall’entrata in vigore della legge 46-1990 – termine prorogato in un secondo momento al 31 dicembre 98′ -; questo vale solo ed esclusivamente per gli impianti con messa a terra e salvavita. Parlando di impianti progettati successivamente al 13 marzo 90′ devono essere tassativamente sviluppati stando alle norme CEI e UNI in vigore al momento dello svolgimento dei lavori.




Che succede se si acquista casa con gli impianti non a norma?

Ipotizziamo di acquistare un appartamento e solo dopo rendersi conto che gli impianti non sono a norma. Come ci si può tutelare in questi casi? Se i vizi non sono essenziali, nel senso che l’acquirente avrebbe comunque acquistato la struttura pur conoscendo la presenza di irregolarità, è possibile domandare un risarcimento del danno o un possibile sconto di vendita. Nel caso in cui il vizio sia grave da rendere l’immobile non utilizzabile, è possibile fare affidamento al giudice e domandare la risoluzione del contratto non altro il rimborso integrale del denaro versato dietro restituzione del bene.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.