Tapparelle, cosa fare quando si rompe la cinta


Tapparelle




Manutenzione e costo tapparelle casa, come bisogna agire quando si rovina la cinta? Per cambiare in maniera perfetta la cinghia di una tapparella, serve prima di tutto procurarsi la giusta attrezzatura. Servirà avere una scala sicura e stabile, mentre per quanto concerne una sostituzione completa bisognerà avere a disposizione: una cinghia della medesima larghezza di quella vecchia, un cacciavite per poter aprire il cassonetto nel caso in cui questo sia avvitato, cacciavite a taglio, accessorio per bloccare la ruota, cuter, forbici e un cuneo di legno.

Tapparelle, cosa fare se si rompe la cinta

Una volta in possesso di tutto il materiale, bisognerà continuare avvolgendo del tutto la tapparella, facendo modo che sia del tutto sollevata. Se preferite fare il cambio di una tapparella abbassata, bisognerà avvolgere la cinghia sul meccanismo di richiamo e successivamente collegarla alla puleggia: il lavoro sarà più difficile ma al tempo stesso più sicuro.

Nel procedere al cambio delle corde per tapparelle, bisognerà in primis aprire il cassonetto andando a svitare le eventuali viti presenti o, se il coperchio è a scorrimento, bisognerà verificare che questo non sia bloccato in posizione a causa di strati vecchi di pittura che, in questa circostanza, dovranno essere tassativamente incisi con l’ausilio di un cutter lungo il bordo, per poi il coperchio dell’alloggiamento e dare dei colpetti sul perimetro del cassonetto cercando di far scivolare verso l’alto.

Arrivati a questo punto, usando il cuneo di legno o un cacciavite a taglio grande, si dovrà stoppare la puleggia, ovvero la ruota grande di metallo su cui è avvolta la cinghia, andando ad inserire il cuneo tra la ruota e parete in modo da impedirne il movimento.




Proseguendo, sciogliete il nodo della corda presente sul lato interno della ruota: tirandolo un po’ fuori, sarà possibile scioglierlo in tutta tranquillità con le dita o eventualmente usare un cacciavite corto.

Sciolto il cintino, servirà riavvolgerlo

Sciolto il cintino, servirà riavvolgerlo verso i rullini del passa cinghia andando ad accompagnarlo con cura con le dita. Ora, si potrà svitare la placchetta di copertura dell’avvolgitore a muro il tanto per poter visualizzare la parte sotto.

Svitate dunque completamente l’avvolgitore tapparella ed estraetelo dal suo alloggiamento, lasciando che la molla si scarichi, e liberando la cinghia vecchia svitando l’apposita vite di bloccaggio che stringe sulla ruota più piccola. A questo punto si potrà salire sulla scala con la cinghia nuova e farla passare con cura tramite i rullini guida.

Una volta inserita la corda all’interno, bisogna farla passare attraverso la fessura della puleggia da dove è stata levata la vecchia corda e annodarla nuovamente: togliete poi successivamente il cuneo che tende a bloccare la ruota facendo intervenire un aiutante che nel frattempo dovrà tenere ben salda la corda giù dalla scala; abbassate la tapparella facendo scendere il telo delicatamente fino alla base e tagliate in base alle misure da voi preferite la parte in più della cinghia prendendo come punto di riferimento la fessura dell’ingresso dell’avvolgitore cercando di superare il riferimento alla cinghia di più o meno 45 cm.

Una volta tagliata, la nuova cinghia, dovrà essere messa nella fessura di ingresso e avviata alla ruota di piccole dimensioni o puleggia inferiore dopo aver avvolto accuratamente quest’ultima facendole fare circa 25 giri.

In conclusione, trovate il punto in cui era avviata la precedente cinghia e inserite la vita dopo aver perforato la cinghia nuova. Procedendo stringete al meglio e liberate il sistema a molla. Quando la corda si sarà assestata completamente, rimettete l’avvolgitore nell’avvolgimento apposito riavvitandolo a dovere insieme alla placca di copertura.

Per controllare se avete svolto al meglio il lavoro alzate e abbassate la tapparella e, in caso di esito positivo del lavoro, richiudete il cassonetto e il gioco è fatto.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.