Controllo caldaia 2020, quando richiedere il bollino


Controllo




Chi possiede una caldaia deve procedere alla revisione periodica del proprio impianto, mediante due tipi di controlli, nel caso la caldaia abbia problemi gravi valutate se cambiarla visti gli incentivi caldaia che ci sono. Per la manutenzione ecco i controlli da fare:

  • la manutenzione ordinaria, che deve essere effettuata in genere ogni anno (ma per maggiori informazioni è opportuno consultare il libretto di istruzione dell’impianto).

Riguarda il controllo dell’impianto e di tutte le parti meccaniche e termiche. Se necessario, si può procedere alla sostituzione di filtri o al controllo dell’impianto idrico.

  • Il controllo di efficienza energetica (o prova fumi), anche detto bollino.

Questo controllo va richiesto ad un tecnico specializzato:

  • ogni 2 anni, nel caso di un generatore alimentato a combustibile liquido o solido (pellet o gasolio) con potenza utile nominale compresa fra 10 e 100 W;
  • ogni anno, nel caso di un generatore alimentato a combustibile liquido o solido (pellet o gasolio) con potenza utile nominale maggiore di 100 W;
  • ogni 4 anni nel caso di generatori alimentati a gas (metano, GPL) con potenza utile nominale compresa fra 10 e 100 W;
  • ogni due anni, nel caso generatori alimentati a gas (metano, GPL) con potenza utile nominale maggiore di 100 W.

Il bollino, riportante un codice numerico univoco (una parte viene apposta sulla copia del rapporto di controllo tecnico rilasciata al cliente, l’altra viene applicata sulla copia che viene trattenuta dalla ditta), può essere verde o blu.

Blu, di importo di 13 euro, valido per le caldaie con potenza inferiore di 35 kW. Verde, per i generatori di calore che vanno da 35 a 350 kW.




I controlli sulla propria caldaia sono obbligatori

Poiché i controlli sulla propria caldaia sono obbligatori, nel caso in cui non si sia proceduti a farli, si può incorrere in multe che vanno da 500 a 3000 euro, se si è privati.

Per un titolare di una società o di una struttura commerciale che possiede un impianto di grandi dimensioni, la multa può arrivare fino a 1000 euro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.