Come conservare correttamente un materasso: 12 consigli per un sonno sereno


Come




Un buon materasso – di quelli con la M maiuscola – è il punto di partenza fondamentale per un corretto riposo: ecco perché, al momento di acquistarne uno nuovo, è importante scegliere un modello di qualità e che sappia adattarsi alle nostre esigenze – che possono essere le più svariate, come quelle di chi soffre spesso di problemi alla colonna vertebrale, ad esempio.

Oggi sul mercato sono presenti diverse tipologie di materassi tra cui optare in base alle proprie necessità: da quelli in lattice a quelli a molle insacchettate, fino ai modelli in morbido memory foam.

L’importanza di acquistare il giusto materasso

La scelta e, dunque, l’acquisto del materasso sono da considerarsi come un vero e proprio investimento a lungo termine, anche dal punto di vista economico: risparmiare oggi, acquistando magari un materasso di bassa qualità, potrebbe comportare in futuro non solo ulteriori costi, ma anche spiacevoli problemi di salute dovuti, per esempio, a una cattiva postura oppure a un ridotto funzionamento della capacità del materasso di limitare l’assorbimento dell’umidità e di far riposare con un grado di traspirazione ottimale.

Ecco perché comprare un materasso di qualità e perfetto per le proprie esigenze è la scelta da fare oggi per non pentirsene in seguito; è fondamentale però conservarlo nel modo giusto: solo così potrà durare fino a 8-10 anni.




Come conservare un materasso nel modo migliore: i consigli di Mondoflex

A tal proposito, Mondoflex – azienda lombarda leader nella vendita di materassi, guanciali, divani e poltrone da più di 20 anni – vi parla di 12 buoni consigli che vi possono aiutare per conservare il materasso nella maniera corretta, così come per trattarlo e pulirlo nel modo più adeguato con l’obiettivo garantirgli una vita più duratura possibile.

Seguendo questi consigli, infatti, riuscirete ad avere sempre un materasso pulito, igienizzato, comodo e durevole nel tempo. Eccoli, sono molto semplici:

  1. Utilizzare e detergere il coprimaterasso: quest’ultimo è molto importante non solo per rivestire il materasso, ma anche per proteggerlo da acari, polvere e umidità. Il coprimaterasso, che sarebbe meglio scegliere in cotone traspirante, dev’essere lavato regolarmente: nei giorni in cui lo facciamo, è bene approfittare anche per dare al materasso un ricircolo d’aria.
  2. Preservare il materasso dalla sudorazione: è importante evitare, dunque, di distendersi sul letto prima ancora di fare una doccia dopo una lunga giornata, perché il sudore penetra con facilità all’interno del materasso, danneggiandolo.
  3. Pulire il materasso con un panno umido: se volete sbarazzarvi anche dei cattivi odori che possono provenire dal materasso, potete aggiungere del bicarbonato e lasciarlo agire per non più di 24 ore.
  4. Detergere la superficie del materasso con una spazzola anti-acari: si tratta di un gesto di cura che andrebbe eseguito spesso, anche se i nuovi modelli di materassi sono realizzati con tessuti antiacaro.
  5. Girare il materasso a ogni cambio di stagione: in genere, i materassi a molle possiedono un lato estivo e uno invernale che vanno utilizzati in alternanza nei cambi stagionali, ma se invece il vostro materasso è in memory foam occorrerà girarlo invertendo solo il lato della testa con quello dei piedi.
  6. Lavare anche la fodera del materasso: se il vostro materasso è sfoderabile, seguite le istruzioni sull’etichetta per lavare accuratamente anche la fodera che lo riveste.
  7. Assicuratevi di eseguire le norme igieniche di cui abbiamo parlato sopra periodicamente.
  8. Per conservare il materasso, sigillatelo accuratamente: riponetelo con cura in un sacco di plastica o di cellophane oppure, in alternativa, avvolgetelo in un telo facendo attenzione a non lasciare alcuna parte di superficie scoperta.
  9. Se potete, usate il sottovuoto per conservare il materasso e proteggerlo da qualsiasi agente esterno.
  10. Se per la conservazione preferite optare per altro ancora, in questo caso il consiglio è di riporre il materasso all’interno di un contenitore rigido o di usare una fodera isolante.
  11. Anche mentre non lo utilizzate, aprite di tanto in tanto il sacco in cui lo avete sigillato per fargli prendere aria.
  12. Evitate di posizionare il materasso in verticale o di piegarlo, per non deformare la sua struttura interna; scegliete un luogo non eccessivamente umido e non appoggiate alcun oggetto sopra di esso.

Con un materasso di ottima qualità e soprattutto ben conservato e pulito – sia esso sfoderabile, a molle insacchettate, singolo o matrimoniale – potrete riposare nel massimo del comfort e svegliarvi al mattino senza alcun fastidio o tensione muscolare. A prova di sogni d’oro!


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.