Tutto ciò che serve sapere se stai pensando di acquistare casa


Tutto




Comprare casa e accendere un mutuo sono passaggi importanti nella vita, con l’impegno che dura decenni a seconda dell’entità. Non bisogna prendere la decisione alla leggera e occorre valutare in maniera accurata le possibilità.

Prima di sottoscrivere è quindi importante acquisire tutte le informazioni sulle condizioni del contratto e pianificare alcune operazioni che possono cambiare il quadro sul lungo periodo.

Cosa fare prima di firmare un mutuo

Innanzitutto bisogna informarsi, perché il mercato dei mutui è variegato e cambia nel tempo da un istituto bancario all’altro. Spesso si trovano promozioni che devono essere colte nel momento più opportuno, approfittando per confrontare le offerte mutui su Mutui.it.

Le banche prima di attivare il mutuo effettuano la loro valutazione per la quali sono necessari molti documenti. Durante questa fase è possibile iniziare a stimare in maniera oggettiva il budget per ottimizzare la richiesta e per non ritrovarsi a dover pagare rate troppo gravose.




Con la documentazione di reddito si  stima anche il margine di sicurezza che si può sostenere mensilmente per i rimborsi e che non dovrebbe mai superare un terzo del rapporto tra il reddito e la rata.

Il mercato dei mutui non è uniforme e ogni istituto tende ad accaparrarsi i clienti proponendo soluzioni ad hoc. Bisogna sempre confrontare i mutui proposti, sfruttando un comparatore online che fa risparmiare tempo e permette di avere un quadro chiaro.

Questi strumenti richiedono l’importo previsto, il valore dell’immobile e la durata del mutuo, per calcolare tutti i parametri fondamentali, come le rate.

Operazioni avanzate

Esiste uno strumento chiamato voucher mutuo, non obbligatorio, che è molto pratico per valutare la fattibilità del credito rilasciato, anche prima di aver trovato un immobile su cui investirlo.

In questo modo si capisce se la banca è disposta a concedere la cifra e a che tasso. Il documento ha una validità di 6 mesi, un tempo più che sufficiente per riuscire a individuare l’immobile che si desidera acquistare.

Definire il tasso è importante, in particolare scegliere tra quello fisso e la soluzione variabile. A seconda dell’istituto, uno più essere più conveniente dell’altro. Di solito però il fisso è meno economico, perché non è esposto alle fluttuazioni della borsa, dell’Euribor e dell’Eurirs.

Nel mutuo ci sono costi da valutare oltre alla quota capitale e quella di interessi. In particolare il TAEG, dove si trovano le spese di istruttoria, le assicurazioni obbligatorie, i bolli statali, le imposte, le commissioni di incasso e quelle di perizia e che può risultare gravoso.

Anche i tempi di erogazione sono importanti. Di solito occorrono alcuni giorni tra stipula e disponibilità, perché secondo la legge l’ipoteca deve aver raggiunto il corretto grado di sicurezza per essere attivata.

Anche se non capita molto spesso, può succedere di trovarsi in condizioni di riuscire ad estinguere il mutuo anticipatamente. Alle banche e realtà non conviene granché e quindi le condizioni possono risultare sfavorevoli.

Utilizzano il piano di ammortamento alla francese, che prevede che gli interessi vengano ripagati prima del capitale. In sostanza è conveniente estinguere il mutuo nelle fasi iniziali quando gli questi non sono ancora maturati, rispetto a chiuderlo verso la fine.

Può anche essere necessario dover cambiare mutuo, perché la rata proposta è eccessiva rispetto ai tassi attuali e questo può essere effettuato con 3 strumenti che sono: surroga, rinegoziazione e sostituzione senza penali.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.