Botulino, quali conseguenze se utilizziamo cibo alterato


Botulino




Il botulino è un batterio molto pericoloso per la salute umana. L’ingestione dei cibi alterati da questo batterio provoca, dopo un periodo di incubazione che può andare dalle 12 alle 48 ore fino agli 8 giorni, dei sintomi come nausea, vomito, diarrea, dolori muscolari, problemi neurologici, secchezza delle fauci e delle vie respiratorie, alterazioni visive, disturbi della fonazione e della deglutizione; nei casi più gravi può esserci anche paralisi respiratoria e asfissia.

Nonostante la malattia possa essere mortale

Comunque, nonostante la malattia possa essere mortale, se diagnosticata in tempo si risolve in un periodo che va da alcune settimane a diversi mesi.

Il trattamento comprende la terapia di supporto alla ventilazione, la ventilazione assistita e, nei casi più gravi, la nutrizione parenterale e la decontaminazione intestinale con carbone attivo.




Il botulino può presentarsi, con le sue tossine, in diversi alimenti: soprattutto in carne e pesce in scatola, nei salumi, nelle conserve e nei vegetali conservati sott’olio o sott’aceto ma, principalmente nei prodotti alimentari casalinghi, che molto spesso non vengono preparati seguendo le norme igienico-sanitarie.

Ci si accorge che c’è questo batterio quando c’è un rigonfiamento del coperchio del contenitore oppure alterazioni come irrancidimento, muffe, rammollimento; ma tante volte non può esserci nessuna di queste alterazioni, ed è in questi casi che c’è davvero il pericolo di intossicazione.

Per prevenire la formazione del botulino

Per prevenire la formazione del botulino, soprattutto nelle conserve che si preparano in casa, bisognerebbe far attenzione a lavarsi le mani, lavare la cucina, gli attrezzi e i prodotti durante la preparazione delle stesse.

Sterilizzare i contenitori e non riempire completamente il vasetto ma lasciare dello spazio vuoto. Infine, effettuare la pastorizzazione mettendo i contenitori nell’acqua, all’interno di una pentola chiusa con un coperchio; far bollire l’acqua, avendo cura che l’ebollizione venga mantenuta in maniera uniforme, e lasciare a bagnomaria bollente da 7 a 11 ore.

Inoltre, prima di aprire e consumare la conserva controllare che non ci siano alterazioni del contenitore e del prodotto.
[smiling_video id=”207883″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.