Cambio di destinazione d’uso a cosa serve


Cambio




La destinazione d’uso di un immobile si riferisce all’insieme delle funzioni che lo caratterizzano: un immobile può essere ad uso residenziale, commerciale, produttivo.

Cambio di destinazione d’uso

Quando si parla di “cambio di destinazione d’uso”, dunque, si fa riferimento alla modifica della finalità di utilizzo di un’unità immobiliare (ad esempio il passaggio da uso ufficio a uso abitazione e viceversa o di un negozio in casa o viceversa).

Affinché si possa però attuare il cambio di destinazione d’uso immobiliare è necessario sottostare a delle normative ben precise, altrimenti si può incorrere nel reato di abuso edilizio e quindi in sanzioni amministrative.

Infatti il cambio di destinazione d’uso può essere effettuato quando le caratteristiche dell’edificio e degli ambienti si adattano anche alla nuova funzione e quando regolamenti e strumenti urbanistici comunali lo consentono.




Ecco perché a volte il cambio di destinazione d’uso non può avvenire

Partiamo dunque da cosa dice la normativa ed in particolare dalle 5 categorie catastali per gli immobili:

  • Residenziale: immobili adibiti ad abitazione, studi professionali e affittacamere
  • Industriale: industrie, botteghe artigiane, laboratori di riparazione, imprese edili e così via
  • Commerciale al dettaglio: negozi, piccola /grande distribuzione, negozi all’ingrosso, mercati, ristoranti e bar
  • Turistico/ricettive: alberghi, campeggi, residence, ostelli e così via
  • Agricole: aziende agricole, zootecniche, colture, aziende florovivaistiche e così via

Il cambio di destinazione d’uso può implicare quindi il cambio di categoria catastale (in questo caso si parla di cambio di destinazione d’uso rilevante).

Il cambio di destinazione d’uso non rilevante avviene invece quando non si modifica la categoria catastale (ad esempio si passa da un bar ad un ristorante o viceversa).

Inoltre, quando il cambio di destinazione d’uso implica che vengano effettuati dei lavori si parla di cambio di destinazione d’uso con opere.

In questo caso il cambio può avvenire solo se sussistono determinati requisiti e se si segue un preciso iter che comincia con la richiesta di autorizzazione al Comune a livello urbanistico e finisce con l’aggiornamento catastale.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.