Cambio di destinazione d’uso, dove va richiesto


Cambio




Ogni immobile ha la propria destinazione d’uso. Può essere ad uso residenziale (un’abitazione), ad uso commerciale (un ristorante o un bar), ad uso industriale (industrie) e così via seguendo le 5 categorie catastali stabilite dalla legge:

  • Residenziale: immobili adibiti ad abitazione, studi professionali e affittacamere
  • Industriale: industrie, botteghe artigiane, laboratori di riparazione, imprese edili e così via
  • Commerciale al dettaglio: negozi, piccola /grande distribuzione, negozi all’ingrosso, mercati, ristoranti e bar
  • Turistico/ricettive: alberghi, campeggi, residence, ostelli e così via
  • Agricole: aziende agricole, zootecniche, colture, aziende florovivaistiche e così via

Dunque la destinazione d’uso si riferisce all’insieme delle funzioni che lo caratterizzano.

Si può procedere al cambio di destinazione d’uso

Tuttavia si può procedere al cambio di destinazione d’uso, modificando la finalità di utilizzo dell’unità immobiliare (ad esempio determinando il passaggio da ufficio ad abitazione e viceversa).

Quindi il cambio di destinazione d’uso può implicare il cambio di categoria catastale (in questo caso si parla di cambio di destinazione d’uso rilevante) oppure non modificare la categoria catastale (in questo caso si parla di cambio di destinazione d’uso non rilevante).




In ogni caso, affinché si possa procedere con il cambio di destinazione d’uso, è necessario seguire un iter preciso stabilito dalla legge, per non incorrere nel reato di abuso edilizio e in sanzioni amministrative.

Nel caso di cambio di destinazione d’uso fra immobili che restano nella stessa categoria catastale, occorrerà richiedere una SCIA.

Invece nel caso in cui il cambio di destinazione d’uso implichi il passaggio da una categoria catastale ad un’altra, è necessario ottenere il permesso di costruire (sarà infatti necessario compiere delle opere per adattare l’immobile alla nuova funzione che avrà).

Solo alla fine di tutta la procedura si otterrà il cambio della destinazione d’uso all’Ufficio del Catasto dove avviene l’aggiornamento della documentazione fiscale e viene registrata la modifica attraverso una variazione catastale con conseguente modifica dei valori catastali.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.