Cosa fare quando abbiamo i vicini rumorosi


vicini




Può succedere di avere dei vicini rumorosi, ad esempio che spostano i mobili, hanno il volume alto del televisore, fanno rumore di notte e così via. Ricordiamo che ci sono delle fasce orario in cui non si possono fare rumori che vengono definite ore di silenzio.

Ma cosa fare in tutte queste circostanze?

Se i rumori sono udibili non solo nel proprio appartamento ma in tutto il condominio o gli edifici intorno, si può chiamare la polizia o i carabinieri, in quanto si configura un reato di disturbo alla quiete pubblica.

Se la polizia o i carabinieri non dovessero recarsi sul posto, si potrà andare a depositare una denuncia orale nei giorni successivi, senza essere accompagnati da un avvocato e senza aver raccolto firme o testimonianze dei vicini.

Infatti le dichiarazioni personali sono sufficienti per l’accusa formale e per poter condannare il responsabile.




Il problema è che le indagini potrebbero durare molto tempo e solo allora si avvierà il processo penale a cura e a spese dello Stato: durante il processo penale ci si può costituire parte civile a mezzo di un avvocato per chiedere un primo risarcimento.

Ma per avere una cifra congrua bisognerà intraprendere un giudizio civile dove dare prova dell’effettivo danno subito alla salute e alla serenità quotidiana.

Questo era un primo caso; nel caso in cui invece il rumore fosse moderato e cioè udibile solo da pochi condomini, non si potrà denunciare il vicino rumoroso in quanto non sussistono i presupposti del reato.

Però ci si potrà tutelare intraprendendo una causa civile: prima di tutto bisognerà avvisare il vicino rumoroso con una diffida scritta (meglio con una raccomandata), firmata in prima persona o dall’avvocato.

Se il vicino non dovesse cessare di fare rumore, si potrà avviare un ricorso in via d’urgenza tramite il proprio avvocato. Dopo alcuni mesi il giudice ordinerà di interrompere le condotte moleste e rumorose e potrebbe anche condannarlo a pagare una somma di denaro.

Per un risarcimento del danno bisognerà invece intraprendere una causa civile.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.