Piante in casa quello che c’è da sapere: la guida su come e dove iniziare


Piante in casa quello che c'è da sapere: la guida su come e dove iniziare




Anche se di solito le piante in casa e i terrari vengono allestiti in grandi fioriere negli ingressi o nei cortili interni dei palazzi, scegliere di portare un po’ di natura dentro casa coltivando alcune varietà in vaso, indipendentemente dallo spazio disponibile, significa riuscire a creare un ambiente fresco e rilassante. Per fare questo è bene iniziare a capire come realizzare un giardino casalingo. Le piante sono in grado di purificare sensibilmente l’aria che respiriamo ma possono essere anche utilizzate come perfetti elementi d’arredo tanto da creare in un ambiente atmosfere davvero suggestive.

Creare un giardino in casa raggruppando varietà diverse di piante in una fioriera è il metodo più ad effetto per disporle armonicamente in uno spazio a loro dedicato. La sola cosa di cui tener conto è quella di preoccuparsi che tutte abbiano le stesse esigenze. In gruppo possono anche essere separate ognuna da un vaso, una accanto all’altra, in questo caso occorrerà un contenitore abbastanza grande da contenerle tutte, badando che i fiori o le foglie formino anche in questo caso un insieme armonico in cui si alternino piante sempreverdi con quelle fiorite.

Piante in casa, serve molta cura

Non bisogna però dimenticare che tutte le piante d’appartamento hanno bisogno di cure, ma alcune tollerano più di altre condizioni poco idonee, sopravvivendo anche con scarse attenzioni, se si ha poco tempo da dedicare alle piante ci si dovrebbe però orientare su quelle che richiedono pochissimo impegno, fra queste ci sono:

la Calancola è una specie succulenta, perfetta per chi non ha troppo tempo da dedicare alle piante in casa, sopporta bene la siccità. È adatta alla vita in appartamento dove l’aria è secca. La Campanula Isophylla è una pianta perenne molto bella e di generosa fioritura con delicati fiori bianchi o azzurri. Necessita solo di periodiche nebulizzazioni sulle foglie. Coltivare la Zebrina pendula in casa è molto semplice, anche in un vaso sospeso. Ama una posizione luminosa senza il sole diretto, ma non le basse temperature. Va annaffiata con moderazione per diventare più rigogliosa. La pianta ha necessità di essere cimata. La Crassula è una delle piante succulente che regala più soddisfazioni, anche al meno esperto. La sua crescita è piuttosto veloce. Gradisce una posizione luminosa. Va annaffiata con regolarità ma non necessita di molta acqua. La Pianta di ferro è molto resistente e produce bellissimi fiori rossi. Sopporta bene ambienti poco luminosi, secchi, caldi o freddi. Va annaffiata abbondantemente e le foglie nebulizzate dalla primavera all’estate.




Trovare il giusto ambiente per ogni pianta

Per crescere bene le piante d’appartamento, tanto da creare un piccolo giardino in casa, hanno bisogno di un ambiente che soddisfi le loro esigenze d’acqua, calore, nutrimento e umidità e ogni specie ha esigenze proprie. L’intensità della luce varia non solo da stanza a stanza, ma anche all’interno della stessa a seconda della distanza dalla finestra in cui verrà posizionata la pianta. La zona difronte alla finestra riceve la maggior parte della luce e a una distanza di soli due metri la luminosità è inferiore dell’80%. Anche le zone ai lati della finestra ricevono poca luce. Molte piante si sviluppano verso la luce, quindi per assicurare una crescita bilanciata è bene girarle spesso, soprattutto in ambienti con pareti scure che assorbono la luce piuttosto che rifletterla costringendo le piante a inclinarsi verso la finestra.

Specie come catcacee, succulente, bromeliace, e alcune piante d’appartamento eliofile, preferiscono una zona in luce diretta per gran parte del giorno, fra le piante che amano la luce se ne elencano alcune:

L’Adenium (o Rosa del deserto)

Una pianta grassa molto decorativa, predilige la luce diretta, ama il caldo e l’aria asciutta. Non necessita di molta acqua; teme il freddo. È una pianta che richiede impegno e dedizione. Di facile coltivazione è la sempreverde Yucca è una pianta che ama essere esposta al sole diretto tutto l’anno. Va annaffiata con moderazione anche se il terreno deve rimanere sempre umido. Non ama i ristagni d’acqua.   Una bellissima pianta d’appartamento è la Medinilla magnifica, ama i luoghi luminosi ma non i raggi diretti del sole. Va annaffiata solo quando la terra è asciutta. Decisamente in una posizione ben luminosa va l’Anthurium ma non a diretto contatto con il sole. Va annaffiare con regolarità quando la terra è asciutta. Teme gli sbalzi di temperatura e i colpi d’aria. Tipicamente ornamentale è la Zamia, pianta succulenta di facile coltivazione. Tollera le carenze d’acqua abbastanza prolungate, ma va evitato il ristagno. Ama un ambiente ben illuminato privo di penombra, ma non a diretto contatto con il sole.

Altre tipologie di piante, al contrario, vivono bene in una posizione poco luminosa e se si hanno molte zone con poca luce in casa è meglio orientarsi verso queste:

Ficus Benjamina

Una pianta perenne sempreverde. Necessita di un clima caldo umido, gradisce la luce ma non quella diretta del sole. Il terriccio e la chioma vanno mantenuti umidi anche se va comunque lasciato asciugare tra un’annaffiatura e l’altra. Definita palma minore la Chamaedorea è tra le piante d’appartamento più resistenti. Ama una buona illuminazione ma riesce a vivere anche in zone meno luminose. In estate va innaffiata abbondantemente e le foglie nebulizzate. Il terreno va mantenuto appena umido. Grazie alla crescita ricadente il Filodendro è una pianta molto decorativa.

Ama la luce ma resiste bene ad un ambiente poco illuminato. Frequenti irrigazioni nel periodo estivo con nebulizzazioni. In inverno annaffiare solo se il terreno è asciutto. La Calathea Insignis: predilige un’esposizione con poca luce e teme i raggi diretti del sole. Annaffiare normalmente durante la stagione vegetativa e nebulizzare le foglie. È una pianta che teme il freddo. La felce sempreverde Nephrolepis Exaltata, si può tenere in un vaso appeso o su un piedistallo da cui le fronde possano ricadere. È una pianta che teme il freddo e non sopporta il sole ma può vivere in penombra tutto l’anno. Il terriccio va tenuto sempre leggermente umido e va nebulizzata soprattutto d’estate.

Ad eccezione delle cactacee e delle piante grasse sono poche le piante che tollerano un ambiente dove la percentuale di vapore acqueo nell’aria è molto bassa, ciò accade in inverno nelle case con riscaldamento continuo. La maggior parte delle piante d’appartamento preferisce un’umidità moderata, ma ve ne sono alcune per cui è fondamentale un’umidità abbondante. Quelle con le foglie sottili come il Capelvenere e il Coleo sono ancora più vulnerabili. Se si desidera quindi creare un piccolo giardino in casa con questo tipo di piante ci si deve orientare verso:

Peperomia Caperata

Una pianta perenne sempreverde di piccole dimensioni. Ha bisogno di poche regole: acqua moderata, niente ristagni, tanta luce ma senza i raggi diretti del sole. Ha bisogno di molta umidità ambientale. Può essere coltivata in casa anche il Capelvenere ma solo in ambienti con elevato grado di umidità. Questa varietà di felce, ha bisogno di assidue annaffiature e vaporizzazioni. Ama una posizione abbastanza luminosa. La Coleus Blumei pianta erbacea sempreverde, richiede molta luce per mantenere vivaci i suoi colori e necessita di abbondanti annaffiature. Come la Peperomia, ha bisogno di molta umidità ambientale. Di notevoli dimensioni è la Fatsia Japonica o Aralia è una pianta che durante i mesi caldi ha bisogno di abbondanti annaffiature. Per mantenere un ambiente umido intorno alla pianta è bene nebulizzare regolarmente le foglie. Necessita di molta luce ma non del sole diretto. Teme le temperature troppo elevate. L’Ananas nana piccola pianta ornamentale viene già venduta con il piccolo frutto. In casa avrà bisogno di luce, caldo e grande umidità, soprattutto ambientale. Le annaffiature devono essere abbondanti in estate e molto ridotte in inverno. Il terriccio deve rimanere sempre umido ma senza ristagno. È una pianta che teme il freddo.

Importante per tutte le piante, che si tengono in un appartamento, è la temperatura ambientale dal momento che la maggior parte delle specie gradisce temperature comprese tra i 15 e i 21 gradi.




2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Le piante più usate in giardino: quali sono e come vanno trattate
  2. Piante grasse, giardini in miniatura in casa la scelta perfetta

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.