Giardinaggio, le piante più facili da curare in questo periodo


Giardinaggio, le piante più facili da curare in questo periodo




Non tutti hanno il pollice verde e dedicarsi al giardinaggio risulta compicato. Le piante sono bellissime da vedere, i fiori sono estremamente delicati da curare e la manutenzione del giardino è un aspetto essenziale per averne uno bello e fiorito.

Piante per iniziare: quali sono le migliori?

C’è da premettere che, purtroppo, è difficile seguire questo aspetto: tuttavia, anche se non avete il pollice verde, potete seguire delle piante facili e che non richiedono estrema cura e che vi permetterà di realizzare un giardino casalingo in poco tempo.

Chi si sta appassionando solo di recente al giardinaggio, deve sapere che, per cominciare, si possono acquistare delle piante grasse. Oltre ad essere molto belle, arricchiscono il giardino, il balcone o il terrazzo (o persino il davanzale) e ti permettono di approfondire il pollice verde.

In seguito, potrai valutare di acquistare anche delle piantine aromatiche o fiorite.




Creare un angolo green nella propria abitazione è oggi essenziale: stare a contatto con la natura, lavorare la terra, respirare aria pulita. Con il mondo dell’industria che avanza, la filosofia green diventa il suo contrapposto migliore.

Una delle piantine migliori è la Tillandsia. Richiedono davvero poche cure, poca acqua e dovrete soltanto preoccuparvi di innaffiarle una volta a settimana.

Piante grasse e piante aromatiche: ecco su quali puntare

Tra le piante aromatiche più semplici da seguire, potremmo citare la salvia. Oltre ad essere molto utilizzata in cucina, è resistente alle alte temperature e anche alle basse dell’inverno, che mettono più a rischio determinate piante. Attenzione a non sottoporle, però, troppo tempo sotto il sole: la salvia potrebbe seccarsi.

Anche la violetta africana è perfetta per il vostro piccolo spazio green! Non dovrete mai metterla sotto il sole, ma soltanto in un luogo abbastanza luminoso. Il terreno deve essere lievemente asciutto: troppa acqua rischierebbe di metterla in una condizione critica.

Come vedete, avete molte piante tra cui scegliere: iniziate con queste e segnatevi sul calendario quando dovete annaffiarle.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.