Come va richiesta una riunione di condominio?


Come va richiesta una riunione di condominio?




Una delle domande più diffuse in ambito condominiale è se un condomino possa richiedere effettivamente una riunione di condominio straordinaria. Solitamente, l’iter delle assemblee condominiali ha un rigore preciso: cinque giorni prima della data fissata, tutti i condomini devono ricevere obbligatoriamente la convocazione da parte dell’amministratore di condominio. Nella convocazione, oltre l’invito a partecipare, viene riportato l’ordine – o gli ordini – del giorno, che è il motivo per il quale i condomini dovranno riunirsi e discutere.

Un condomino può richiedere un’assemblea condominiale?

Tuttavia, può capitare che un condomino abbia urgentemente bisogno di indire un’assemblea condominiale, perché, magari, ha bisogno della delibera per l’installazione di un’apparecchiatura. Anzitutto, secondo la Cassazione, non c’è alcuna differenza sostanziale tra un’assemblea straordinaria e una ordinaria.

Tecnicamente, il condomino che intende discutere un ordine del giorno può rivolgersi all’amministratore di condominio e fare presente il “problema”.

Bisogna specificare il perché dell’assemblea “straordinaria”?

La vita di condominio può rivelarsi molto difficile, sotto alcuni aspetti. Quando c’è una riunione e c’è da discutere l’ordine del giorno, si può deliberare una decisione che non mette sempre d’accordo tutti i condomini. È perfettamente naturale: dopotutto, non siamo sempre tutti d’accordo su un aspetto della vita condominiale.




A questo proposito, vorremmo aggiungere che c’è ben poco da fare. Si può impugnare una decisione presa durante l’assemblea solamente nel caso in cui quest’ultima rappresenti un pericolo o vada contro la legge e le regole del condominio.

Per impugnare una deliberazione, bisogna presentarsi in tribunale entro 30 giorni.

L’assemblea straordinaria è spesso contestata per questo motivo: nonostante, alla fine, la legge non la
indichi e non la regoli come “straordinaria”, le decisioni prese durante la sua durata non sono in alcun
modo ritrattabili.

Ovviamente, per le assemblee convocate dai condomini valgono le stesse regole: tutti devono ricevere
un avviso qualche giorno prima della data in cui si desidera fissarla.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.