Affittare casa a titolo gratuito è possibile?


Affittare casa a titolo gratuito è possibile?




Una delle domande che si pongono più di frequente i proprietari di un immobile è se sia possibile affittare casa a titolo gratuito. A questo proposito, dobbiamo introdurre il concetto di comodato uso gratuito immobile 2018 una sorta di contratto di affitto che spesso viene utilizzato tra parenti ad esempio genitori e figli.

Come funziona il comodato uso gratutito di un immobile?

Questo contratto vi consente di consegnare gratuitamente un immobile a una persona: ovviamente, al termine del contratto, “l’inquilino” è dovuto a restituirvi l’immobile. In questo caso, invece di sottoscrivere il classico contratto di affitto o di locazione, se ne fa uno a titolo gratuito.

Dunque, significa che l’inquilino non è tenuto in alcun modo a versare il canone mensile al proprietario.

Gli articoli del codice civile che si occupano di questo contratto sono il 1803 e i successivi. L’inquilino potrà usufruire in modo gratuito dell’abitazione, ma ovviamente non avrà alcun diritto su di essa.




Ovviamente, siete comunque tenuti a registrare il contratto presso l’Agenzia delle Entrate: ricordate che per il fisco è importante sapere che altri usufruiscano della vostra seconda casa, soprattutto quando si concede l’immobile a parenti, genitori o ai figli.

Come registrare il contratto e cosa vi servirà

Per il contratto, dovrete fare riferimento al modello 69: l’imposta di registro da pagare è di circa 200 euro, con il modello F23. In alternativa, potete comunicarlo anche in forma verbale. È stata la Legge di Stabilità del 2016 a decretare che fosse necessario comunicare all’Agenzia delle Entrate il contratto di comodato uso gratuito dell’immobile.

Di seguito, vi diciamo cosa vi servirà da portare all’Agenzia delle Entrate:

  • Due copie del contratto da registrare;
  • Le fotocopie della carta di identità del comodante e del comodatario;
  • Una marca da bollo di 16,00 euro per ogni 100 pagine di contratto;
  • Il modello 69 già compilato;
  • Una copia del modello F23 che attesta che avete versato l’imposta di registro.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.