Veranda, è possibile chiuderla? Cosa dice la legge


Veranda, è possibile chiuderla? Cosa dice la legge




State valutando di chiudere la vostra veranda, ma non sapete come fare e soprattutto cosa dice la legge a riguardo? Oggi vorremmo delucidarvi su questi aspetti. Chiudere la veranda potrebbe essere un’ottima idea per molteplici motivi. Anzitutto, avreste un luogo più riparato, ma pur sempre all’esterno della casa. Poi, si devono valutare alcuni aspetti: come possiamo chiuderla? Quali materiali utilizzare? E, soprattutto, dobbiamo considerare la legge per essere sempre a regola con le nostre costruzioni.

Chiudere la veranda: cosa dice la legge

Chiudere la veranda significa avere un ambiente in più in casa da sfruttare. Di conseguenza, essendo anche un’operazione delicata, dovrete chiedere il permesso di costruzione edilizia al Comune. È, inoltre, un lavoro piuttosto lungo. Bisogna progettare la veranda, ipotizzare la struttura, scegliere i materiali e, poi, trovare la ditta in grado di offrirci il preventivo migliore.

Tra i materiali più diffusi per la realizzazione della veranda, troviamo l’alluminio, il pvc, il legno e la muratura. Chiudere la veranda significa anche investire sulla coibentazione, dunque evitare che la calura o il freddo esterno possano causare sbalzi di temperatura all’interno.

In ogni caso, potrete cominciare i lavori solamente dopo avere ottenuto il permesso dal comune, che si occuperà in seguito dell’aspetto burocratico della faccenda.




L’utilità e i vantaggi offerti dalla veranda: cosa sapere

Avere una veranda è il sogno di tutti. Chiunque abbia un piccolo spazio all’esterno, desidera poterlo sfruttare al meglio. Noi vi consigliamo di rivolgervi a varie ditte prima di sceglierne una: in questo modo, potrete avere un preventivo chiaro. Da cosa dipende il costo di una veranda? Dai materiali che impiegheremo per la sua realizzazione: mediamente, il costo oscilla tra 500 e 2,000,00 euro, se si considera la coibentazione.

Dunque, se state considerando di realizzarne una, è arrivato il momento di andare al Comune, di richiedere il permesso e cominciare a valutare i materiali migliori!

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.