Pollaio fai da te, cosa dice la legge


Pollaio




Si può costruire un pollaio fai da te con pazienza e una spesa minima, se si ha una buona manualità.

Pollaio, cosa dice la legge

Però, è importante seguire quanto dice la legge nell’ambito della sua costruzione e collocazione sul proprio terreno.

La prima legge di cui tenere conto quando si parla della creazione di pollai domestici è il Decreto Legislativo numero 158/2006 secondo cui ogni pollaio deve essere registrato presso gli uffici dell’Azienda USL locale.

Il titolare del pollaio dovrà sottoscrivere e compilare un modulo specifico, all’interno del quale la struttura viene annoverata come “azienda di allevamento” e bisognerà specificare le finalità della realizzazione dello stesso (vendita o autoconsumo).




Oltre alle norme nazionali, la costruzione del pollaio deve sottostare anche a delle norme comunali, quindi è bene informarsi su queste.

Ci sono altri vincoli da rispettare

Ci sono altri vincoli da rispettare, soprattutto se si vive in un condominio perché in questo caso il pollaio deve essere posto ad una distanza minima di almeno 10 metri dal confine del vicino (se la distanza non viene rispettata è diritto di chiunque segnalare all’ASL o al Comune il non rispetto della legge).

Inoltre, un altro aspetto da considerare è l’inquinamento acustico degli animali: in questo caso, bisognerà rivolgersi all’Arpa ovvero l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, che è l’organo che si occupa di effettuare questa perizia e quindi valutare se la tollerabilità del rumore supera quella consentita dalla legge.

In forse è il permesso dell’ASL: questo dipende dalla tipologia di pollaio che si avrà.

  • Se ospiterà solo galline ovaiole (e quindi per l’autoproduzione di uova)
  • se si vuole avere qualche animale per poter mangiare carne
  • se il pollaio viene utilizzato solo per l’autoconsumo oppure se si vogliono vendere gli animali.

Un’azienda agricola oppure un agriturismo possono avere allevamenti di circa 20 galline ovaiole e uno o al massimo due galli; invece, un cittadino privato ha il consenso dall’ASL di avere nel suo pollaio fino ad un massimo di 10 galline senza alcun permesso.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.