Lettura del contatore: a cosa serve?


Lettura del contatore a cosa serve




State cercando delle informazioni sulla lettura del contatore? Non sapete a cosa serve nello specifico? Nessun problema: oggi ve lo spiegheremo facilmente. Il consumo di energia elettrica è stimato secondo alcuni parametri ben precisi e tenerne traccia ci aiuterà a risparmiare sulle bollette di casa.

Ma come sono calcolati i consumi? Ci sono tre metodi e sono presenti sulla vostra bolletta. Potrete, dunque, capire come è stato effettuato il calcolo dei consumi secondo le seguenti diciture.

  1. Lettura rilevata: la lettura è garantita grazie alla rilevazione dei dati di consumo presenti sul vostro contatore.
  2. Consumo stimato: la lettura del contatore non è avvenuta, ma si riferisce a un probabile consumo.
  3. Autolettura: siete voi a leggere i dati di consumo sul contatore e a riportarli al fornitore.

Ne consegue, dunque, che la lettura del contatore è importante per comprendere il costo dei consumi e per prevenire eventuali sprechi.

Perché è importante fare la lettura del contatore?

A volte, purtroppo, può capitare che i dati riportati sul contatore non corrispondano effettivamente al consumo reale. In tanti negli ultimi anni hanno scelto di affidarsi all’autolettura, così da comunicare in seguito il consumo prodotto.




In alcuni casi, invece, molti hanno pagato un consumo minore rispetto a quanto preventivato. Questo avviene perché il gestore non ha il dovere di effettuare un controllo sulla lettura del contatore ogni mese. Per i consumi massimi fino a 500 Smc all’anno, il contatore è obbligato ad effettuare il classico controllo annuale. Invece, per i consumi fino a 1.500 Smc all’anno, il gestore dovrà effettuare una lettura ogni sei mesi.

Qual è il problema? Il conguaglio, che avverrà dopo qualche mese. Alla fine, il gestore conoscerà i vostri consumi reali e vi addebiterà il mancato pagamento sulla bolletta. Il modo migliore per risolvere questo problema è fare un’autolettura al contatore ogni mese e inviare i propri consumi al gestore, così da pagare sempre quanto dovuto.