Acquisto casa da privati come tutelarsi


Acquisto casa




Acquisto casa da privati come bisogna fare per tutelarsi al meglio? Nella maggior parte dei casi per quanto riguarda l’acquisto di un immobile ci si rivolge a veri professionisti del settore che da anni lavorano nel campo, come gli agenti immobiliari, in grado di consigliare perfettamente il cliente in ogni fase della compravendita.

Però, ai tempi d’oggi soprattutto, per risparmiare si sceglie il fai da te, dedicandosi all’acquisto di un qualsiasi appartamento da privati, senza dover necessariamente fare affidamento a qualche intermediario. Sicuramente ci sono dei rischi legati ad esempio alla documentazione allegata e da non sottovalutare anche il consiglio che un professionista può dare come ad esempio se conviene acquistare casa o affittare analizzando la condizione economica del soggetto.

Vediamo, quindi, come tutelarti in caso di acquisto casa da privati cosi da non commettere il minimo errore.

Quali sono i vantaggi acquisto case in vendita da privati?

Chi decide di procedere all’acquisto di un immobile da privati innanzitutto lo fa per poter risparmiare il più possibile in termini di denaro: le commissioni richieste dalle varie agenzie immobiliari, calcolate di solito in percentuale rispetto al costo totale d’acquisto dell’abitazione, possono infatti arrivare a cifre elevate che non tutti si possono permettere. Con Internet che in questi anni ha fatto passi da gigante e in particolar modo grazie alla sempre più presenza di siti appositi dedicati alla compravendita immobiliare, l’incontro tra tutte e due le parti a ricorrere a strumenti più “snelli” che prendano la figura dell’intermediario.

Tempi decisamente più brevi, contatti diretti, trattativa da seguire in prima persona senza dover ricorrere a nessuno.

Quali sono i documenti necessari per l’ acquisto casa in vendita da privati?

Prima di tutto, sia l’acquirente dell’immobile che il venditore devono tassativamente consegnare al Notaio i seguenti documenti:

  • Carta di identità in corso di validità e il codice fiscale;
  • Certificato che attesti lo stato civile o il regime patrimoniale;
  • Se extracomunitari, il permesso di soggiorno.

Analizzando il venditore, quest’ultimo invece deve presentare:

  • Atto di provenienza della casa e la relativa documentazione catastale, che il Notaio dovrà verificare e aggiornare fino alla data del rogito;
  • Certificato di agibilità dell’appartamento, rilasciato dal Comune, che attesta la sussistenza ed il rispetto delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità e risparmio energetico dell’edificio;
  • Visura ipotecaria, che certifica che l’immobile non è gravato da ipoteche o pignoramenti;
  • Attestazione di prestazione energetica APE.

Il compratore, infine, è tenuto a consegnare la seguente documentazione:

  • Copia del compromesso;
  • Fotocopie degli assegni e/o dei bonifici bancari con cui è stato effettuato il pagamento degli acconti e del saldo del prezzo;
  • Se richiesto un mutuo, dovrà indicare la banca, la filiale e la persona di riferimento da contattare.

L’unico svantaggio di svolgere in tutto fra privati è che bisogna fare ogni procedura di persona. Affidandosi invece ad un’agenzia immobiliare sarà quest’ultima a fare tutto al posto vostro, ma in questo caso dovrete sborsare un bel po’ di soldi. La scelta spetta a voi.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.