Convertire vasca in doccia è fattibile?


Convertire vasca




Convertire vasca in doccia è veramente possibile? La risposta è si, ma cosa scegliere tra vasca e doccia? Di solito un intervento di ristrutturazione del bagno richiede intere e faticose giornate di lavoro, l’intervento vero e proprio di esperti e non in ultimo un dispendio economico importante.

Le esigenze di rinnovare nel miglior modo un bagno, tuttavia, può essere sopratutto dovuta a ragioni non del tutto estetiche, ma anche di carattere funzionale, per necessità di rendere il più fruibile che si può l’ambiente a persone che hanno difficoltà nel muoversi, come un anziano o disabile.

In queste circostanze nella maggior parte dei casi si sente la necessità, ancora di più, di mettere in atto un intervento con una spesa non particolarmente elevata e senza dover impiegare tanto tempo per completare il lavoro.

Ormai convertire una vasca in doccia è possibile in qualche ora. Nella maggior parte dei casi ne bastano 8-9, senza arrecare nessun tipo di disaggio a chi abita nella casa.




Come trasformare la vasca in doccia, le fasi di lavorazione

Trasformare la vasca in doccia è possibile con dei lavori appositi di precisione, incisione e taglio della vasca vecchia.

Il primo passo di installazione consiste nel tagliare la vecchia vasca, andando ad incidere il bordo e rimuovendo le piastrelle che fanno da bordo alla vasca stesso, cosi da permetterne il sollevamento.

La fase numero due consiste nella rimozione della vasca dalla sua sede vecchie che verrà smaltita insieme al materiale di basamento e risulta.  Arrivati alla fase numero tre si continua con lo smaltimento dei detriti e una pulizia profonda del fondo su cui verrà posizionato il nuovo piatto doccia.

Nella fase numero quattro gli installatori continuano con la preparazione della platea, non altro che l’area di pavimento occupata precedentemente dalla vasca; l’area in questione viene ricoperta del tutto da un materiale sigillante adatto, per creare il piano d’appoggio giusto per ospitare il piatto doccia.

La fese termina con la sostituzione dello scarico vecchio con quello nuovo

Nel corso della fase numero cinque vengono rimosse le tubature vecchie, andando di conseguenza a collegare lo scarico nuovo con quello vecchio posizionando il nuovo piatto doccia.

Con la fase numero sei, il personale conclude il processo di installazione andando a collegare l’ultimo tratto di scarico della nuova doccia con le tubature della vecchia vasca appena cambiate.

In conclusione, la fase numero sette prevede l’installazione del rivestimento a parete e, con l’ottava ed ultima fase, si installa il box doccia con tutti gli accessori.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.