I vecchi rimedi, efficaci o leggende popolari da evitare?


I vecchi rimedi, efficaci o leggende popolari da evitare?




Se lo chiedono tutti: ma i vecchi rimedi della nonna funzionano davvero? È lecito chiedersi se utilizzare un ingrediente naturale sia più potente dei medicinali analgesici. È normale porsi delle domande, per scaturire la curiosità.

I rimedi della nonna che non sono efficaci

Alcuni rimedi della nonna sono del tutto comprovati: il bicarbonato smacchia davvero i denti, così come l’acqua e il limone aiutano il nostro metabolismo al mattino e l’acqua di cottura dei carciofi ha proprietà diuretiche.

Ma quali sono i rimedi della nonna che non funzionano?

Le nostre nonne sperimentavano con ciò che avevano a disposizione. Ogni elemento era indispensabile per la loro vita casalinga. Purtroppo, non c’erano sempre abbastanza soldi per potersi permettere un prodotto per pulire la casa: e comunque non esistevano o non erano efficaci come al giorno d’oggi.




Ecco quali sono i rimedi da evitare

Dimenticate manicure, pulizia del viso, pedicure: le nostre nonne si servivano degli elementi della terra per mantenersi giovani e belle.

  • Tagliare i capelli li rinforza? Nì. Da una parte, ci liberiamo dal peso dei capelli rovinati. Curare le punte è fondamentale, ma tagliare i capelli non cura automaticamente tutti i mali. È molto meglio ricorrere agli impacchi e alle maschere, anche naturali;
  • Il burro sulle ustioni? Sembra un’assurdità, ma le nostre nonne mettevano il burro fuso sulle ustioni per farle guarire. È efficace? No. Se l’ustione è molto grave, recatevi al Pronto Soccorso. In alternativa, mettete subito sulla parte delle pomate che si possono acquistare in farmacia senza ricetta medica.
  • Bere alcool dopo una sbronza? Nel passato lo facevano, ma è del tutto sbagliato e inoltre fa aumentare il mal di testa in maniera consistente. Per curare i postumi di una sbronza bisogna bere moltissima acqua;
  • Il latte caldo per fare abbassare la febbre? Per quanto un bicchiere di latte caldo faccia piacere, purtroppo, non fa passare la febbre.