Nuovo digitale terrestre 2021, quale tv non saranno più utilizzabili


Nuovo digitale




Entro primavera del 2022 avverrà il passaggio definitivo al nuovo digitale terrestre cioè dallo standard attuale DVB-T, a quello di nuova generazione, DVB-T2 (Digital Video Broadcasting Second Generation Terrestrial).

Non tutti i televisori, però, sono compatibili con questo nuovo standard.

In linea di massima tutti coloro che hanno acquistato un televisore dopo il primo gennaio 2017, non dovrebbero avere problemi perché, per legge, quei dispositivi sono già compatibili con il DVB-T2.

Ma se così non fosse, sarà necessario acquistare un nuovo televisore dotato di questo decoder.

Un modo per sapere se sarà necessario sostituire il proprio televisore è sintonizzarsi sul canale 200 (canale di test Mediaset) o sul 100 (canale di test Rai). Se si visualizza una schermata con la scritta “Test HEVC Main10”, vuol dire che il proprio televisore è compatibile e non ci sarà bisogno di sostituirlo.




Se invece non compare questa scritta e i canali 100 e 200 non sono visibili, allora vuol dire che il televisore non è compatibile con il nuovo standard. Dunque, come visto, per i televisori acquistati dopo il primo gennaio 2017 non dovrebbero esserci problemi di compatibilità.

Ma quali modelli tv non saranno più utilizzabili?

I televisori venduti prima del 2010 ricevono il segnale attraverso il digitale terrestre, ma potrebbero non mostrare i canali in alta definizione (perché manca il supporto al codec Mpeg-4). Dunque in questo caso sarà necessario quantomeno acquistare un decoder che possieda il supporto al codec Mpeg-4 (se non si vuole sostituire tutto il televisore).

I televisori venduti fra il 2013 e il 2017, invece, potrebbero ricevere il nuovo segnale, ma probabilmente solo i modelli venduti fino al 2016 potrebbero supportare il nuovo formato HEVC (che verrà introdotto entro l’estate 2022).

Comunque invece che ricorrere alla sostituzione del televisore (che potrebbe risultare una spesa onerosa), si può acquistare un nuovo decoder (il cui costo si aggira intorno ai 30 euro).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.