Switch off digitale terrestre, quanto costerà un decoder?


Switch off




Con l’arrivo del nuovo digitale terrestre DBV-T2, molti italiani si vedranno costretti ad acquistare un nuovo decoder o un nuovo televisore per poter guardare tutti i canali.

In linea di massima i televisori che non riescono a mostrare agli utenti i canali dal 500 in poi, non potranno più essere utilizzati; per fare un’altra prova, si possono sintonizzare i canali 100 e 200 (Rai e Mediaset) e, se si riescono a “prendere”, allora il televisore si potrà continuare ad utilizzare.

La regola è che chi possiede un televisore acquistato prima del 2015, quasi sicuramente dovrà sostituirlo con uno nuovo.

Ma quanto costerà un nuovo decoder?

Quelli meno costosi sono sicuramente quelli DVB-T2, mentre i decoder Tivùsat risultano essere un po’ più dispendiosi: i primi costeranno circa 30-40 euro (anche se ci sono modelli anche più costosi, dai 50 agli oltre 50 euro); i secondi invece potrebbero arrivare a costare quasi 100 euro, trattandosi di un decoder satellitare con apposito slot per le schede.




Ad ogni modo per questa spesa il governo ha stanziato un bonus da 50 euro, che potrà essere speso appunto per acquistare un decoder o eventualmente un nuovo televisore.

Il 15 ottobre è la data che infatti segna anche questo passaggio alla nuova tecnologia: le emittenti televisive possono introdurre la codifica MPEG-4 per la distribuzione dei canali TV.

Dal 15 novembre al 18 dicembre 2021, lo switch off comincia in area 1A, ovvero la Sardegna e a seguire, in tutte le altre aree:

  • dal 3 gennaio al 15 marzo 2022 per l’area 2 (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano. Coinvolta anche anche l’area 3 con Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza)
  • dall’1 marzo al 15 maggio 2022 per l’area 4 (Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche)
  • dal 1 maggio al 30 giugno 2022 con l’area 1B (Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania)



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.