Switch off digitale terrestre, cosa bisogna fare?


Switch off




Sta per arrivare il nuovo digitale terrestre DBV-T2 che consentirà di sfruttare le nuove tecnologie di trasmissione legate alla rete 5G e così di avere qualità e definizione più alte. Questo è un passaggio che porterà molti italiani ad acquistare un nuovo televisore o un modem, usufruendo del bonus rottamazione previsto dal governo.

I canali per testare la TV

In linea di massima i televisori che non riescono a mostrare agli utenti i canali dal 500 in poi, non potranno più essere utilizzati; per fare un’altra prova, si possono sintonizzare i canali 100 e 200 (Rai e Mediaset), se si riescono a “prendere”, allora il televisore potrà continuare ad essere utilizzato.

La regola è che chi possiede un televisore acquistato prima del 2015, quasi sicuramente dovrà sostituirlo con uno nuovo. Il 15 ottobre è la data che infatti segna questo passaggio alla nuova tecnologia: le emittenti televisive possono (non hanno ancora l’obbligo fino a fine anno) introdurre la codifica MPEG-4 per la distribuzione dei canali TV.

La Rai per esempio dovrebbe cominciare con i canali tematici, per poi passare a inizio 2022 a quelli generalisti.




Altre date da ricordare sono:

  • dal 15 novembre al 18 dicembre 2021: lo switch off comincia in area 1A, ovvero la Sardegna
  • dal 3 gennaio al 15 marzo 2022: si passa in area 2 per il nuovo digitale terrestre con le regioni: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano. Coinvolta anche anche l’area 3 con Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza
  • dall’1 marzo al 15 maggio 2022: parte l’area 4 con Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche
  • dal 1 maggio al 30 giugno 2022: si chiude con l’area 1B ovvero Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania
  • 1 gennaio 2023 è il termine entro il quale si completerà il passaggio al DBV-T2.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.