Distacco e interruzione bolletta elettricità, come funziona


Distacco e interruzione bolletta elettricità, come funziona




A volte può capitare che ci si dimentichi di pagare una bolletta della luce entro la scadenza e di saldare
l’importo in ritardo. Se la bolletta non viene pagata regolarmente il gestore potrà richiedere gli interessi
di mora per i giorni di ritardo. Nel caso in cui il cliente continuerà a non pagare il fornitore del servizio
potrà provvedere al distacco e interruzione del servizio erogato.

Cosa succede quando non si paga una bolletta

Se una bolletta non viene pagata entro la data indicata, il gestore del servizio, prima di poter agire
con un depotenziamento o distacco luce, dovrà costituirlo in mora inviando una raccomandata o una
PEC con la quale viene fissato il termine ultimo di pagamento della bolletta insoluta.
Il termine ultimo fissato tramite raccomandata non deve:

  • essere inferiore a 20 giorni solari, se è calcolato dall’emissione della raccomandata da parte del
    venditore;
  • essere inferiore a 15 giorni solari, se è calcolato dall’invio della raccomandata da parte del
    venditore;
  • essere inferiore a 10 giorni solari, se è calcolato dalla ricevuta di avvenuta consegna al cliente
    finale.

La comunicazione dovrà anche contenere:

  • le modalità con cui deve comunicato l’avvenuto pagamento;
  • il termine oltre il quale il gestore invierà la richiesta di sospensione della fornitura;
  • l’eventualità che, se le condizioni tecniche del contatore lo consentono, prima della sospensione
    della fornitura la potenza verrà ridotta a un livello pari al 15% della potenza disponibile. Se il
    cliente continua a non pagare, dopo 15 giorni di riduzione della potenza la fornitura verrà
    sospesa;
  • i casi in cui il cliente ha diritto all’indennizzo automatico, se la fornitura viene sospesa senza
    il rispetto dei termini indicati;
  • l’indicazione dell’eventuale futuro ricorso al sistema indennitario nel caso in cui persista la
    morosità e il cliente cambi venditore.

Cos’è il depotenziamento elettrico

Se la bolletta rimane insoluta il gestore della fornitura elettrica può attuare un depotenziamento
elettrico prima di passare a misure più drastiche come il distacco energia elettrica.




Ma in cosa consiste realmente il depotenziamento energia elettrica per morosità? Significa che la potenza disponibile sarà abbassata fino a raggiungere il 15% del totale. Se abbiamo i classici 3,3 Kw verranno abbassati a 495 w.

Questo abbassamento di potenza permetterà comunque all’utente di avere un minimo di fornitura elettrica in modo da poter utilizzare apparecchiature elettriche a basso consumo.

Se l’utente continuerà a non pagare la bolletta insoluta, la fornitura elettrica verrà sospesa definitivamente dopo 15 giorni.

Come riattivare una fornitura sospesa?

Se il saldo della bolletta avviene entro i 15 giorni di depotenziamento elettrico, il gestore potrà ripristinare la fornitura come da contratto.

Solitamente per riattivare la fornitura elettrica sarà necessario inviare copia dell’avvenuto pagamento tramite mail o fax al proprio gestore. La riattivazione del servizio potrà avvenire entro un giorno lavorativo. Se la riattivazione andrà oltre il tempo previsto, l’utente avrà diritto a richiedere un indennizzo. Inoltre è molto importante capire a seconda del gestore se ci sono delle procedure particolare, ad esempio può essere utile sapere come funziona il distacco corrente Acea o il distacco corrente Enel.

Anche per quanto riguarda le aziende private che forniscono energia elettrica proponendo quindi un servizio esistono dei termini che regolarizzano le forniture e prevedono interruzione corrente in caso di morosità. Anche in questo caso è bene sapere come funziona il distacco corrente Sorgenia e il distacco corrente Edison, due tra le più grandi società di fornitura energia elettrica.




Informazioni su Samantha Lombardi 23 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.