Rumori molesti cosa dice la legge


Rumori molesti




Rumori molesti cosa dice ad oggi la legge? Con questo nuovo articolo cercheremo una volta per tutte di chiarire ogni dubbio su quella che è la causa dei maggiori litigi nei condomini e tra i vicini di casa.

Le fonti di rumori molesti in una palazzina possono essere diverse: dai tacchi delle scarpe di una donna, ai cani che abbaiano, TV, lavatrici ecc…. Per potersi definire a tutti gli effetti molesti, i rumori devono ledere la pace di più persone, avere un certo livello di intensità intaccando la vita del condominio o più strutture.

Quando è concesso fare rumore in condominio per tutelarsi?

E’ bene evidenziare che il regolamento condominiale stabilisce che gli orari fattibili per fare “chiasso” e quelli in cui è opportuno e tassativo rispettare il massimo silenzio. Di solito, i rumori più fastidiosi sono concessi dalle 8 del mattino fino all’ora di pranzo intorno alle ore 13:00 e dalle 16 di pomeriggio fino alle 21. Fuori da questi orari appena citati dovrete in ogni modo cercare di evitare di prendere a martellate la parete della vostra stanza perchè magari siete impazienti di appendere un quadro nuovo o collegare una mensola.




Tutto ciò in linea generale, ovviamente. Ogni struttura, infatti, decide in totale autonomia i propri orari, cosi come può scegliere, facendo un esempio, di cambiare in base alle stagioni le fasce orarie dove è possibile fare chiasso e quelle in cui bisogna osservare il massimo silenzio. Se non avete la copia del regolamento del condominio dove abitate, è consigliato rivolgersi all’amministratore, che ha l’obbligo di consegnarvela gratis senza farvi pagare neanche un centesimo.

Ma come bisogna agire nel caso di prolungati rumori molesti? Come difendersi da chi disturba costantemente? Avete due semplici opzioni, ovvero:

  • Rivolgervi all’assemblea condominiale;
  • Fare ricorso alla legge.

Rumori molesti in condominio: il codice civile

I rumori molesti praticati con costanza dai condomini non rispettando gli orari prefissati dal regolamento condominiale, possono essere sanzionati con una multa fino a 200 euro, che può arrivare fino 800 euro in caso di azione prolungata. L’art. 70 del codice civile dice:

Per le infrazioni al regolamento di condominio può essere stabilito, a titolo di sanzione, il pagamento di una somma fino a 200,00 euro e, in caso di recidiva, fino a euro 800,00. La somma è devoluta al fondo di cui l’amministratore dispone per le spese ordinarie. L’irrogazione della sanzione è deliberata dall’assemblea con le maggioranze di cui al secondo comma dell’articolo 1136 del Codice.

Rumori molesti in condominio: il codice penale

Passando al codice penale, invece, nell’articolo 659 (Disturbo alle occupazioni e al riposo delle persone), il primo comma, recita:

Chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone ovvero gli spettacoli, i ritrovi o i trattenimenti pubblici è punito con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino ad euro 309.

Quindi fate attenzione perché oltre alla multe si può incappare in una causa penale che è molto più grave e impegnativa.




3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Rumori molesti in casa, a cosa si va incontro
  2. Rumori molesti, le fasce orarie in cui si possono fare
  3. Rumori molesti, come ci si difende senza andare oltre

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.