Acquistare casa o andare in affitto? La domanda che vale una vita


Acquistare casa o andare in affitto? La domanda che vale una vita




Gli italiani vedono acquistare casa come uno degli obiettivi principali della vita, un traguardo da raggiungere che segna una sorta di status sociale che si raggiunge. Statisticamente l’Italia è uno di quei paesi in cui la propensione all’acquisto casa è molto alto, se paragonato ai paesi europei. Infatti nonostante la crisi che ha colpito la nazione ormai da diversi anni, ancora oggi investire sul mattone è tra le migliori opzioni sul mercato come testimoniano le diverse agenzia Tecnocasa in Italia.

Ovviamente per acquistare casa occorrono diversi requisti tra i principali l’anticipo acquisto casa che di solito si aggira intorno al 20% dell’immobile e alle spese legate all’acquisto casa stesso. In molti però si chiedono se in questo periodo stroico non sia meglio affittare un apprtamento piuttosto che acquistarlo. In questo caso il budget è relativamente minimo, basta avere l’anticipo e le spese del contratto e non avere altri problemi.

Acquistare casa i vantaggi

Ma vediamo nel dettaglio quali sono i vantaggi delle due soluzioni abitative scelte dagli italiani, e in base a questo valutare quale sia la scelta migliore. Iniziamo ad analizzare quali sono i vantaggi di acquistare casa o acquistare appartamento.

Bisogno di sicurezza e di stabilità

Questo soprattutto se si acquista la prima casa; in Italia appena si realizza l’indipendenza economica e si ha un capitale da parte (spesso con l’aiuto della famiglia di origine) si procede a fare il passo.
In caso si decida di fare un investimento si ha un basso rischio e un rendimento annuo lordo intorno al 4,9%. Tra coloro che hanno comprato con le agenzie Tecnocasa e Tecnorete nel primo semestre del 2017 il 76,9% ha optato per la prima casa, il 17,6% per l’investimento, il 5,5% ha scelto la casa vacanza.




Rivalutazione del capitale

Sia che lo si utilizzi per se e sia che si decida di affittarlo l’immobile è sempre un buon investimento in termini di rivalutazione del capitale. Dal 1998 ad oggi il valore delle case ha registrato un incremento nominale medio del 33,5%, percentuale che si può superare se si mira bene l’investimento (immobile in buono stato, zone centrali e servite, tipologie signorili, ecc.).

Cogliere le occasioni presenti ora sul mercato

Dopo 10 anni di ribassi di prezzo, in questo momento, si possono trovare ancora degli immobili a prezzi accessibili. In più la maggiore propensione delle banche ad erogare mutuo e i tassi convenienti rappresentano oggi un buon motivo per comprare casa.

Scegliere la casa che si desidera o trasformarla nella casa che si desidera

Comprando l’immobile lo si può modellare sulle proprie esigenze e desideri. La possibilità di poter personalizzare è sicuramente un punto a favore dell’acquisto, aspetto che viene considerato sempre più spesso grazie al ribasso dei prezzi degli immobili da ristrutturare e agli incentivi fiscali sulle ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche.

Lascito ai figli

Negli ultimi anni questo è uno dei motivi che ha preso più piede tra gli acquirenti, che vedono nella casa di proprietà un’eredità per i figli, oppure la comprano ai figli che, complice anche la disoccupazione, fanno sempre più fatica ad affacciarsi al mondo del lavoro e di conseguenza all’acquisto della casa.

Andare in affitto quali sono i vantaggi di questa soluzione

Nel caso che invece si scelga di andare in affitto ecco quali sono i vantaggi relativi a questa scelta. Ovviamente spesso si opta per l’affitto anche perché no si hanno le giuste coperture economiche o se manca un capitale iniziale a disposizione per accedere al mutuo.
Ma nel caso sia una scelta ponderata vediamo perché conviene scegliere un affitto.

Non immobilizzare il capitale

A volte di importo cospicuo, che così può essere destinato ad altri utilizzi o ad altre attività.

Garantirsi una maggiore mobilità

Potendo così cambiare più facilmente città, quartieri o case. Basta quindi attenersi ai termini di preavviso di recesso previsti dal contratto di locazione stipulato.

Essere certi delle spese mensili

In questo caso i canoni di locazione che si dovranno sostenere e non doversi occupare di impreviste spese di manutenzione straordinaria che in genere possono essere gravose.

Abitare in case che non si potrebbero acquistare

Perché non si ha il capitale iniziale o perché non si otterrebbe un mutuo sufficiente.

Non dovere pagare le spese legate all’acquisto dell’immobile

Imposte sull’acquisto, eventuale provvigione all’agenzia immobiliare, spese di accensione mutuo, spese notarili. 

Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa



1 Trackback / Pingback

  1. Mercato immobiliare, cosa accadrà nel 2018? Cresce la richiesta

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*