Affitto: quanti tipi di contratto esistono?


Affitto: quanti tipi di contratto esistono?




Siete i proprietari di un immobile? Volete sapere quanti tipi di contratto esistono? Di seguito, potete trovare le tipologie e come funzionano.

Tutte le tipologie di contratto esistenti

  1. A canone libero (4+4): è il canone che consente maggiore libertà. Infatti, consente al proprietario di affittare la propria abitazione per 4 anni. Allo scadere dei 4 anni, in base a motivi specifici, il proprietario può decidere di recidere il contratto e di non rinnovarlo per altri 4 anni. Se non dovessero esserci problemi, il contratto si rinnova in modo automatico. È un contratto molto buono anche per le famiglie che non intendono spostarsi sempre e che hanno bisogno di un luogo fisso;
  2. A canone concordato (3+2): questo contratto assomiglia molto al precedente, solo che si fissa su un modello ministeriale e si rinnova di tre anni ogni tre anni. Alla prima scadenza, ovvero quando trascorreranno i primi tre anni, si rinnova di due; alla scadenza dei due anni, si rinnoverà sempre di tre anni ogni tre anni. Ovviamente, il contratto si può disdire sei mesi prima, se non ci fosse un buon accordo tra le parti in causa;
  3. A uso transitorio: contrariamente ai precedenti, è una tipologia di contratto molto breve, infatti la sua durata minima è fissata a un mese, mentre la massima a 18 mesi. Questo contratto è rivolto principalmente a coloro che si sono appena trasferiti per lavoro e che sono in cerca di una soluzione più definitiva;
  4. Per studenti universitari: è il tipo di contratto che ha una durata minima di sei mesi e una durata massima di 3 anni. Questo contratto sarà protetto da accordi sindacali e verrà concesso solo agli studenti universitari;
  5. Per finalità turistiche: è un contratto molto flessibile, di breve durata, che varia in base alle necessità dei turisti e dei proprietari dell’abitazione. Si può dare disdetta in qualsiasi momento e non è necessario un preavviso.